William Santino Dralu – Campione dell’Uganda Short-Sprints

Sebbene l’Uganda non abbia mai allevato campioni in modo significativo negli sprint brevi a livello internazionale, un certo William Santino Dralu ha raggiunto un ragionevole livello di importanza nel regno, durante la fine degli anni ’60 e ’70. Dralu ha resistito, per cinquant’anni, nella storia dell’Uganda come importante velocista ugandese, in particolare nei 100 e 200 trattini e nelle staffette sprint. Anche dopo decenni, Dralu continua a essere fonte di ispirazione per i velocisti dell’Uganda. Il livello di partecipazione internazionale degli atleti di atletica leggera ugandese continua ad essere sproporzionatamente significativo nel regno delle medie e lunghe distanze; lasciando una carenza di rappresentanza atletica negli sprint e negli eventi sul campo.

Nel 1969, ai Campionati dell’Africa orientale e centrale (una battaglia annuale di atletica leggera inizialmente tra Uganda, Kenya e Tanzania), William Santino Dralu ha ottenuto i suoi più grandi successi internazionali vincendo nei 100 metri con un tempo di 10,5 secondi. Questo incontro si è tenuto nel paese natale di Dralu, nella capitale Kampala in Uganda. Significativamente, nello stesso anno, Dralu ha stabilito un record nazionale di 10,1 secondi sui 100 metri, un record in Uganda che dura da quattro decenni. Il record è stato stabilito nella capitale dell’Uganda, Kampala, l’8 agosto 1969. Questo è stato un record eccellente, dato che il record mondiale in quel momento era di 9,9 secondi. Prestigiosamente, con questo tempo di 10.1, nelle statistiche internazionali di atletica leggera, William Dralu si sarebbe classificato terzo al mondo nel 1969 (insieme a Charles Greene e John Carlos degli USA, Pablo Montes di Cuba, Edwin Roberts di Trinidad, Melvin Pender degli USA, e Detlef Lewandowski e Hermann Burde della Repubblica Democratica Tedesca). Hermes Ramirez di Cuba e Valeriy Borzov dell’Unione Sovietica, entrambi con un miglior tempo personale di 10.0 nei 100 metri si sono classificati rispettivamente al primo e al secondo posto.

È a Pietersburg, in Sud Africa, l’11 marzo 1998, che l’ugandese Moses Mila ha eguagliato il record dell’Uganda di 10,1 secondi cronometrati a mano. Tuttavia, sul sito web iaaf.org, il record personale di Moses Mila è elencato come 10.48 e ottenuto a Johannesburg in Sud Africa, il 27 marzo 1998. Nello stesso incontro su pista, Moses Mila, secondo iaaf.org, ha condotto il suo personale il migliore nei 200 metri, un tempo di 20.63 secondi, lo stesso giorno.

Il muscoloso William Dralu era alto 6′ 0″. È nato il 27 giugno 1947 nel paese dell’Africa orientale dell’Uganda. I risultati di Dralu alle Olimpiadi, tenutesi in precedenza nel 1968 a Città del Messico, sono stati molto meno lusinghieri dei suoi successi nel 1969. Alle Olimpiadi del 1968, il 21enne Dralu fu arruolato per competere nei 100 e 200. Per quanto riguarda i 200 metri, nella batteria 5 del primo round, Dralu fu deludentemente eliminato dopo essere corso al 6° posto con un tempo di 21.38. Il suo record personale di 21.1 sarebbe stato raggiunto l’anno successivo, il 1968. Nel trattino dei 100 metri, Dralu è stato eliminato allo stesso modo molto presto, risultando 7 ° nella batteria 1 del round 1, con un tempo di 10.8 secondi. Alle Olimpiadi del 1968, il grado di prestazione finale di Dralu è il 59° (su 66 concorrenti) nei 100 metri e il 36° (su 49 concorrenti) nei 200 metri.

Le prossime Olimpiadi si terranno nell’estate del 1972 a Monaco di Baviera in Germania. I risultati di Santino Dralu sarebbero stati, ancora una volta, poco appariscenti alle Olimpiadi. Nei 100 metri, il 25enne Dralu è arrivato settimo nel solo Round One (Heat 6), con un tempo di 10.92s. Anche nei 200 metri, Dralu è stato eliminato dall’andare oltre, dopo essere arrivato 6° nella Heat 6 del primo round, con il tempo di 21.87. È significativo che la prestazione di Dralu alle Olimpiadi del 1972 non sia stata generalmente migliore della sua prestazione alle Olimpiadi precedenti. Alle Olimpiadi del 1972, il grado di prestazione finale di Dralu è 67° (su 90 concorrenti) nei 100 metri e 48° (su 66 concorrenti) nei 200 metri.

Il successivo importante raduno internazionale di atletica leggera si è svolto a Christchurch in Nuova Zelanda dal 24 gennaio al 2 febbraio 1974. Questi erano i Giochi del Commonwealth britannico che si tengono ogni quattro anni. William Dralu faceva parte della staffetta 4×400 metri dell’Uganda che ha vinto il bronzo (3.07.45), dietro alla squadra vincitrice del Kenya (in 3.04:43); e la squadra britannica (3.06.66) che ha vinto l’argento. Gli altri corridori della staffetta dell’Uganda erano Pius Olowo, Samuel Kakonge e Silver Ayoo. Questa è l’unica occasione, finora, in cui l’Uganda ha ottenuto lo status di medaglia ai Giochi olimpici o del Commonwealth britannico.

I Campionati di atletica leggera dell’Africa orientale e centrale del 1976 si sono svolti nel maggio del 1976 in Tanzania. Questo è stato un duello piuttosto emozionante tra i paesi partecipanti, gli eventi includevano molti atleti di livello mondiale. L’Uganda è riuscita a vincere, in generale, battendo il favorito Kenya. Nella finale dei 200 metri, il leggendario velocista keniota Charles Asati è riuscito a respingere Dralu. Asati vincerebbe in 21,2 secondi, Dralu sarebbe secondo in 21,5 secondi e John Mwebi del Kenya terzo in 21,6 secondi. All’età di 29 anni, questa sarebbe stata una delle esibizioni prestigiose di Dralu.

Partecipando, e persino classificandosi in alto, a livello mondiale; ed emergendo tra i migliori velocisti in diversi eventi nazionali e regionali negli anni ’60 e ’70, William Santino Dralu ha mantenuto lo status nazionale leggendario come uno dei più importanti velocisti dell’Uganda.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *