Una breve storia della pallavolo

La pallavolo è un famoso sport di gioco con la palla giocato su un campo con una rete centrale tra due squadre composte ciascuna da sei giocatori. Una palla viene lanciata attraverso la rete e l’obiettivo è segnare punti contro la squadra avversaria mettendo a terra la palla. Ad ogni squadra sono consentiti solo tre contatti con la palla prima che venga colpita sul lato opposto. La rete ha un’altezza di 6 piedi e 6 pollici. Tuttavia può essere abbassato nel caso in cui il gioco sia giocato da bambini.

Un istruttore fisico William Morgan di YMCA ha creato un gioco chiamato Mintonette nel 1895. Era per i membri più anziani di YMCA che avevano bisogno di un gioco di abilità piuttosto che di forza. Il suo amico James Naismith, che ha avuto un ruolo eccezionale nella storia del basket, ha avuto l’idea di avere una rete leggermente sopra la testa senza richiedere molti salti.

Il nome originale dato al gioco era Mintonette, è stato dato da Morgan ed è stato scelto come jiggle per il badminton e questo gioco è stato influente nella definizione delle regole per la pallavolo. Tuttavia il nome non era molto accattivante. Uno spettatore in quel momento Alfred Halstead aveva osservato che c’era molto tiro al volo in corso in campo e il nome Volley Ball fu scelto a breve. Successivamente il nome fu contratto con la Pallavolo.

L’Athletic League dell’YMCA del Nord America ha pubblicato le prime regole ufficiali per la pallavolo nel 1897. Ha avuto successo rapidamente dopo la pubblicazione delle regole. Nello stesso anno, Spalding realizzò una palla con una gomma all’interno di un pallone da basket, fu ridisegnata in seguito in modo che il suo peso fosse regolato da 8 e 10 once e la circonferenza avesse le dimensioni di 26 pollici. Il gioco si diffuse rapidamente negli Stati Uniti e fu giocato a Cuba nel 1905, dal Giappone nel 1908 e dalle Filippine nel 1910.

Le regole del gioco furono modificate nel 1900 per rimuovere gli inning definiti da Morgan. Le regole del gioco furono nuovamente modificate nel 1912 per affrontare la realtà del gioco mentre i giocatori stavano diventando più giovani ed energici. La dimensione del campo è stata aumentata e il numero di giocatori è stato fissato a soli 6 per squadra.

La National Collegiate Athletic Association si unì alla YMCA nel 1916 e nel 1920 la pallavolo fu istituita come gioco universitario ma non professionale. Quando è stata costituita la United States Volleyball Association (USVBA), è stata accettata dalla YMCA e dalla NCAA come nuova organizzazione ombrello.

Sebbene la pallavolo fosse un gioco popolare, ha lottato per sviluppare un campionato di squadre. Nel 1930 si giocò la prima partita in spiaggia e nel 1934 furono riconosciuti gli arbitri che avrebbero giudicato le partite di campionato e inter college. L’USVBA è stato finalmente riconosciuto da tutte le associazioni di pallavolo come avente giurisdizione sulle regole del gioco. La fine della seconda guerra mondiale ha portato la pallavolo a ricevere il riconoscimento come sport globale. La pallavolo è stata giocata a livello internazionale in America per la prima volta nel 1955 e ai Giochi Panamericani e alle Olimpiadi nel 1964.

Una nuova versione della pallavolo è stata riconosciuta come Beach Volley negli anni ’60. Era simile allo sport regolare sebbene ogni squadra avesse due giocatori.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *