Tavole da skateboard – Storia e costruzione

Mostrato in film e pubblicità o visto ai lati delle strade e negli skatepark, lo skateboard è uno sport relativamente nuovo, che si è fatto strada nella cultura americana tradizionale. Una volta era difficile trovare o creare aree in cui pattinare, ma ora le città sono piene di aree designate per lo skate per ospitare gli skateboarder. Nonostante la grande quantità di skater e società di skateboard attualmente presenti, le origini dello skateboard e l’invenzione dello skateboard sono avvolte nel mistero.

È stato affermato che i primi skateboard sono nati negli anni ’30 e ’40 quando i bambini cavalcavano carrelli portasapone attaccati ai pattini a rotelle (o assi sui pattini a rotelle). Rimuovere la scatola dalla tavola lascerebbe una tavola su ruote o quella che potrebbe essere chiamata una tavola da skateboard. Tuttavia, altri suggeriscono che lo skateboard fosse un adattamento di un pattino a rotelle smontato, ovvero le ruote sono state rimosse da un pattino a rotelle e quindi aggiunte a una tavola, una mossa influenzata dai surfisti e dal loro desiderio di ricreare il movimento del surf sulla terraferma. Entrambe le possibili teorie sull’origine sono state argomentate in testi storici, riviste e persino sul grande schermo nei documentari e per strada.

Tuttavia, sappiamo che il primo skateboard al dettaglio è apparso nel 1958 ed è stato commercializzato da Bill e Mark Richards di Dana Point, in California. Fu poi prodotto in serie e rimodellato negli anni ’60. Il grezzo, o ponte, era spesso realizzato a forma di tavola da surf in legno massello o plastica. Sono state create anche alcune tavole di metallo. Le ruote erano spesso fatte di argilla o acciaio ed erano meno robuste della versione odierna delle ruote.

Realizzati in acero laminato incrociato a 7 strati, la maggior parte dei ponti sono stabili e possono sopportare l’uso quotidiano e il gioco duro. Tuttavia, alcuni ponti sono realizzati con componenti in fibra di vetro, resina, kevlar, bambù, alluminio o fibra di carbonio o plastica per aumentare la rigidità.

Il mazzo di dimensioni medie è largo 8 pollici. Alcuni possono essere piccoli fino a 7 pollici e altri fino a 10,5 pollici. La larghezza dipende principalmente dallo stile e dalle preferenze. Il pattinaggio su strada di solito richiede un mazzo di 7,5 “-8”, mentre i mazzi più larghi vengono utilizzati per il pattinaggio artistico. La lunghezza media della tavola è lunga 29-33 pollici. Tuttavia, i mazzi più lunghi sono conosciuti come longboard e sono abbastanza comuni. Sono molto più lunghi e non hanno “kicktail”, ma sono invece aerodinamici e pensati per il pattinaggio su strada su lunghi tratti di strada o in discesa.

Sulla parte superiore del deck viene utilizzato del nastro adesivo. Fornisce allo skater la capacità di “afferrare” la tavola creando attrito. Su un lato del nastro adesivo c’è un adesivo, che si attacca al ponte. Dall’altro lato c’è un top simile a carta vetrata. Mentre la sensazione generale e la forma di uno skateboard sono abbastanza comuni, la principale differenza nelle tavole si trova sul fondo della tavola. I mazzi possono variare da colori e motivi solidi a opere d’arte ricoperte di graffiti. Gli stili possono includere loghi, frasi, personaggi di cartoni animati o film o fumetti, personaggi e temi originali come alieni, musica, animali o teschi e ossa incrociate.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *