Storia dell’attrezzatura da surf e surf

Il surf era originariamente chiamato wave riding che ha avuto origine nella Polinesia occidentale migliaia di anni fa. Fisherman ha introdotto l’idea di cavalcare le onde sulle tavole per poter catturare più pesci e tornare a riva.

Come la maggior parte delle attività pratiche, il wave riding alla fine si è evoluto in un’attività di svago e si dice che nel XV secolo si sia assistito per la prima volta al surf in piedi sulle isole Hawaii. Questo passatempo è stato chiamato “he’enalu” che si traduce in scivolamento delle onde e iniziò a essere considerato uno sport. Le registrazioni effettive del surf apparvero nel 1700 dagli europei che si recarono a Tahiti e entrarono in contatto con i polinesiani.

I polinesiani si stabilirono in seguito alle Hawaii ed erano già dotati di abilità per il surf, che all’inizio era uno sport semplice che si prestava ad un’attività avanzata alle Hawaii. In generale, gli hawaiani delle classi superiori cavalcavano le onde su tavole che ricevevano rituali sacri prima che fossero costruite con tipi specifici di legno.

Ora, le tavole da surf sono diventate più avanzate nella forma e nei materiali, inclusi polistirolo e fibra di vetro. Per quanto riguarda il design, le tavole da surf sono ora più leggere e facili da manovrare. La tavola da surf è l’attrezzatura da surf più importante e si consiglia ai principianti di utilizzare tavole di polistirolo abbastanza grandi, ad esempio 10 piedi di lunghezza, per catturare facilmente le onde ed evitare lesioni.

La Hollow Board e la Hot Curl Board sono state invenzioni significative per essere in grado di manovrare meglio e andare nel ricciolo dell’onda. Successivamente, è emersa la tavola corta insieme a vari tipi di numero di pinne per migliorare la velocità e la manovrabilità. I guinzagli della tavola da surf possono essere accessori utili e spesso importanti per protezione e maggiore controllo.

Le mute sono state un’altra invenzione significativa nella storia del surf. La prima muta fu creata negli anni ’50 in California, che consentiva il surf tutto l’anno, soprattutto durante la stagione fredda. Realizzata in neoprene, un materiale in gomma sintetica, la muta ha anche portato i surfisti a inventare tecniche di surf più avanzate e complesse in quanto forniscono più movimento. Le mute umide dovrebbero adattarsi bene e non consentire l’ingresso di molta acqua per mantenere caldo il surfista.

Sebbene il surf sia un’attività popolare oggi nelle regioni costiere e nelle isole, ha una storia piuttosto antica. Il surf ha saputo affermarsi come una tradizione culturale apprezzata dalle persone moderne in varie regioni. È persino diventato un evento sportivo esilarante ed emozionante.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *