Storia del lancio del peso: dove è iniziata?

Si può scoprire che la storia del lancio del peso risale a migliaia di anni fa, fino ai giorni prima che le isole britanniche si cristianizzassero e la terra fosse ancora governata da capi. In termini moderni lo sport è stato formalizzato ed è diventato un appuntamento olimpico nel 1896.

Oggi lo sport viene praticato utilizzando una palla di metallo pesante e viene perfezionata una tecnica speciale per poter lanciare la palla il più lontano possibile. Per avere davvero successo in questo evento, l’atleta deve combinare tecnica, forma e forza.

Indietro migliaia di anni l’evento è stato fatto con le palle di pietra in Scozia. I capi avrebbero usato l’evento per determinare quale fosse il più potente. Avrebbero selezionato uno dei loro guerrieri per lanciare la palla di pietra il più lontano possibile e il vincitore sarebbe considerato provenire dal clan militarmente più potente. L’evento è diventato anche una parte degli Highland Games.

Lo sport subì cambiamenti nel corso del Medioevo fino al 18° secolo, quando era uno sport popolare tra i soldati che lanciavano palle di cannone. È da questa epoca dello sport che prende il nome con il “tiro” riferito alla palla di cannone e la parte “put” uno stile di lancio che veniva utilizzato.

Fino all’inizio delle Olimpiadi moderne lo sport era popolare, ma non era stato ufficializzato. Come parte dell’atletica leggera alle Olimpiadi, lo sport è stato finalmente ufficializzato. Tuttavia, non sarebbe diventato un evento femminile ai giochi fino al 1948.

Lo sport di oggi non è cambiato molto nel corso della storia del lancio del peso. Le palline oggi sono di piombo e tende ad essere la tecnica utilizzata che varia di più. Uno degli atleti di lancio del peso più noti è stato Randy Barnes che ha introdotto la forma rotazionale di lancio nel 1976.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *