Siti di immersioni subacquee da non perdere alle Bahamas

Con così tanti siti di immersione tra cui scegliere, le immersioni subacquee alle Bahamas saranno una delle esperienze memorabili che rimarranno per sempre nella mente di una persona. Circondati da acque calde e limpide, ci sono circa 1.000 siti di immersione sparsi nelle 700 isole delle Bahamas. Poiché questi punti di immersione delle Bahamas hanno molti luoghi meravigliosi e diverse creature da sfoggiare, molti operatori subacquei si guadagnano da vivere dando ai turisti lezioni di immersioni subacquee e tour delle numerose barriere coralline e relitti che si trovano alle Bahamas. Alcuni di questi operatori includono le immersioni con i delfini e l’alimentazione degli squali come parte del loro repertorio. Questi servizi sono solitamente inclusi nei pacchetti di immersione e alloggio offerti da hotel e resort.

La maggior parte dei pacchetti di immersioni ha un prezzo in base al numero di immersioni al giorno e al soggiorno di una persona in un hotel o resort. Per questo motivo, i subacquei dovrebbero sfruttare al massimo il loro soggiorno scegliendo i migliori punti di immersione subacquea delle Bahamas che le isole hanno da offrire.

Ottieni uno sguardo ad Abacos

Essendo un’area con molti santuari e parchi della fauna selvatica, questo punto di immersione subacquea delle Bahamas ha un’abbondanza di coralli e pesci colorati. Nelle isole Abacos si possono trovare anche tartarughe verdi, focene, cavallucci marini e murene. Poiché questa zona ha molte barriere coralline poco profonde, i subacquei possono fare snorkeling mentre si stanno decomprimendo.

La variegata fauna marina non è l’unica attrazione di Abacos. Questa zona è abbastanza nota per i subacquei relitti. La USS Adirondack, una cannoniera della Guerra Civile che colpì una barriera corallina nel 1862, è piuttosto nota per gli appassionati di immersioni sui relitti. Poiché molti galeoni spagnoli sono affondati nelle acque vicino all’Abacos, i subacquei potrebbero voler trarre profitto dal loro viaggio cercando i tesori perduti che sono caduti con queste navi.

I buchi blu dell’Andros

Qui nell’isola di Andros, i subacquei possono esplorare la terza barriera corallina più grande del mondo: la barriera corallina di Andros. Questa distesa di questa enorme barriera corallina raggiunge l’abisso ed è chiamata, per la sua forma, La Lingua dell’Oceano. Ad Andros, i subacquei possono anche esplorare gli inquietanti e affascinanti buchi blu. Questi buchi profondi sono in realtà fessure profonde che si sono formate dall’erosione dell’acqua prima che fosse allagata alla fine dell’era glaciale.

Questa zona è anche conosciuta per le immersioni sui relitti. Qui, i subacquei possono dare un’occhiata al Potomac che affondò subito dopo la seconda guerra mondiale. Poiché la maggior parte delle navi affondate finisce come habitat artificiale per la vita marina, alcune cernie, pesci pappagallo e barracuda risiedono in quest’area.

Altri siti di immersione alle Bahamas

Gli appassionati di immersioni su relitti frequentano anche Eleuthra, dove ci sono quattro siti di relitti da visitare. Per i subacquei interessati alla storia della terra, Exuma è il luogo da visitare. A Stocking Island, possono vedere la barriera corallina di stomatolite, un fossile vivente noto come la più antica testimonianza della vita sulla terra. Con così tanti posti da visitare, i turisti dovrebbero pianificare i loro tour in anticipo elencando i luoghi che vogliono visitare e contrassegnando le aree a cui dovrebbero dare la priorità durante il loro viaggio.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *