Sicurezza in piscina per bambini

Il nuoto è l’esercizio perfetto per molti bambini, a partire da quando sono piccoli. Non solo fa lavorare muscoli che altrimenti verrebbero trascurati, ma può migliorare la flessibilità, la postura e l’equilibrio, nonché ridurre l’ansia e stimolare le endorfine. Per i bambini con asma, può essere l’unico modo per loro di fare esercizio senza un attacco d’asma, e quelli con disturbi fisici trovano che l’assenza di gravità della piscina renda il nuoto relativamente indolore. Può anche essere usato come tecnica di legame tra genitori e figli con difficoltà di sviluppo.

Ma anche nuotare può essere pericoloso. L’annegamento accidentale è la terza causa più alta di decessi accidentali di bambini nel Regno Unito e richiede in media quattrocento vite ogni anno. Sebbene i decessi per annegamento nelle piscine del giardino sul retro siano significativamente inferiori rispetto a quelli nei grandi specchi d’acqua, sono anche molto più evitabili, quindi perché le famiglie non fanno di più per proteggere i propri figli?

Quando costruisci una piscina nel tuo giardino sul retro, ci sono una serie di ulteriori aggiustamenti che dovrai apportare per garantire che l’ambiente sia sicuro per i tuoi bambini e animali domestici, nonché per quelli che potrebbero trovare la loro strada nel tuo giardino. Il primo e più importante è installare una copertura di sicurezza per piscina da appoggiare sulla piscina in ogni momento quando non è in uso. Sebbene non sia una buona idea camminarci sopra, una vera copertura di sicurezza sarà in grado di sostenere il peso di un bambino se gli capitasse di uscire. Le coperture di sicurezza sono spesso montate nelle guide lungo l’interno della piscina e hanno l’ulteriore vantaggio di ridurre la quantità di sostanze chimiche necessarie, rendendo l’acqua della piscina più sicura a tutto tondo.

In secondo luogo, costruisci una recinzione attorno alla piscina. Molti stati degli Stati Uniti lo hanno come requisito obbligatorio per le piscine del giardino sul retro, ma non lasciare che la mancanza di leggi in questo paese ti scoraggi dall’implementare questo dispositivo di sicurezza. Dovrebbe essere alto almeno 1,5 metri e avere un cancello di sicurezza per bambini attraverso il quale è possibile accedere alla piscina e ti consigliamo di controllarlo una volta al mese circa per assicurarne l’integrità. Non tenere nulla di abbastanza solido per consentire ai bambini di arrampicarsi vicino al bordo della recinzione o potrebbero trovare la strada! Se la recinzione è installata su un pavimento antiaderente, riduci notevolmente la possibilità che qualcuno corri e scivoli in piscina.

Sono disponibili due diversi tipi di allarme piscina; uno che si spegne quando qualcuno apre il cancello del tuo recinto e uno quando qualcosa entra in acqua. Sebbene entrambi siano utili, l’allarme del cancello ti dà una migliore possibilità di impedire a tutto ciò che sta attraversando la tua recinzione di farsi male in piscina. L’allarme pressione acqua può essere utile se si hanno animali domestici che sono in grado di attraversare la recinzione; gli animali non dovrebbero essere ammessi vicino alla piscina, in parte a causa del rischio di annegamento e in parte per tenerli lontani da sostanze chimiche potenzialmente pericolose (che dovrebbero essere tenute lontano da loro).

Ma forse una delle cose più importanti da considerare è l’attuazione di regole rigorose nell’area a bordo piscina. Alcuni di questi possono sembrare ovvi – niente correre, niente tuffi, tenere in giro giubbotti di salvataggio e galleggianti da piscina – ma devi anche considerare fattori come tenere in ordine l’area dei giochi in piscina che potrebbero rappresentare un pericolo di inciampo. Idealmente dovresti installare una scatola dei giochi per piscina e insegnare ai bambini che tutto va via quando escono dalla piscina. I bambini non dovrebbero mai nuotare senza sorveglianza in ogni caso, così come adulto responsabile puoi assicurarti che seguano le regole. Spiega le conseguenze dell’essere insicuri in modo che capiscano perché devono essere così attenti.

La Settimana nazionale per la prevenzione dell’annegamento sostiene il sistema “sicuro” sia per le piscine private che per quelle pubbliche, che è il seguente:

SMacchiare i pericoli. Tieni d’occhio i pericoli, i bordi, i pavimenti scivolosi e ciò che potrebbe trovarsi nell’acqua o sul fondo della piscina.

UN – prendere Consiglio. Leggi i cartelli se ti trovi in ​​una piscina pubblica, nuota vicino a un bagnino in modo che possa aiutarti e i nuotatori poco sicuri dovrebbero sempre usare un aiuto al galleggiamento.

F – prendi un amico. La maggior parte degli incidenti di nuoto si verificano quando qualcuno nuota da solo. Se hai amici o familiari in giro, qualcuno può chiedere aiuto o aiutarti a tirarti fuori. Insegna ai bambini a nuotare sempre in compagnia

e – sapere cosa fare in un Emergenza. Molti genitori non sanno come eseguire la RCP e non saprebbero come salvare la vita del proprio figlio. Impara le tecniche di rianimazione e la posizione di recupero al minimo indispensabile.

È molto più probabile che i bambini anneghino in vacanza che a casa, il che rende ancora più importante che capiscano come comportarsi in piscina. Ci sono anche molti più decessi nei primi e negli ultimi giorni di vacanza, quando i genitori sono occupati e i bambini vogliono esplorare. Se ci sono corpi d’acqua aperti nelle vicinanze, NON permettere a tuo figlio di allontanarsi da solo.

Sebbene sia abbastanza raro che i bambini anneghino nelle proprie piscine, è più comune che vengano feriti da un “annegamento secondario”. Ciò può verificarsi quando una quantità incredibilmente piccola di acqua si fa strada nei polmoni e impedisce all’ossigeno di fluire efficacemente nel flusso sanguigno. 2 cm di acqua sono tutto ciò che serve e spesso entra nei polmoni durante “incidenti di quasi annegamento” – le vittime possono verificarsi ovunque tra una e settantadue ore dopo l’incidente.

Cerca i sintomi che includono difficoltà respiratorie, tosse, cambiamenti improvvisi nel comportamento, dolore toracico e stanchezza estrema. Se tuo figlio mostra uno di questi sintomi entro 72 ore dall’essere in acqua, a causa di un incidente a cui hai assistito o in appena un minuto senza supervisione, portalo immediatamente in ospedale. Se l’ossigeno non scorre correttamente al cervello, può causare danni ai tessuti, con conseguenti danni cerebrali.

L’annegamento nella piscina di casa è un evento relativamente raro che colpisce solo pochi bambini ogni anno, ma ci piace pensare di poter fare di meglio, quindi seguendo questi semplici accorgimenti di sicurezza e trasmettendo il messaggio di sicurezza ai bambini fin dalla tenera età, può ridurre il numero nel tempo fino a quando non vengono perse vite inutilmente a causa di qualcosa di così semplice come trascurare l’installazione di una copertura di sicurezza per piscina.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *