Sci di fondo in Norvegia – Escursioni dalla valle dell’Espedalen

Se sei uno sciatore di fondo alla ricerca di un tour relativamente facile nelle montagne norvegesi, un’area che vale la pena considerare è la zona collinare a ovest di Espedalen, che è una lunga valle situata a circa 70 km a nord-ovest della città di Lillehammer .

A metà del diciannovesimo secolo Espedalen era un luogo molto frequentato, perché allora era il più grande centro mondiale di estrazione di nichel e centinaia di uomini vi lavoravano. Ma oggi restano pochi segni di quell’attività, e la valle è tranquilla e vuota.

Puoi raggiungerlo prendendo un treno mattutino dall’aeroporto di Oslo a Lillehammer e poi l’autobus pomeridiano per Espedalen. L’autobus scende a ciascuno dei tre hotel della valle. Per motivi logistici, è meglio organizzare la permanenza sia della prima che dell’ultima notte della tua vacanza in uno di questi hotel, perché quasi sicuramente vorrai utilizzare il loro mezzo di trasporto alla fine del tour, come vedremo. (Potresti anche utilizzare il loro mezzo di trasporto all’inizio del tour, forse per abbreviare il primo giorno.)

Dopo la prima notte in hotel, puoi partire per il tuo tour, soggiornando ogni notte in cabine gestite da DNT, la Norwegian Mountain Trekking Association. Tutte tranne una delle cabine in questa zona sono prive di personale, ma sono ben attrezzate con cibo, attrezzatura da cucina e legna da ardere e hanno cuccette con biancheria da letto. Le cabine senza personale sono chiuse, ma puoi prendere in prestito una chiave da DNT (dopo essere diventato un membro di quell’organizzazione).

In generale, nel periodo compreso tra metà febbraio e Pasqua i percorsi tra i rifugi sono segnalati da canne ad intervalli regolari nella neve. Ma devi ancora essere in grado di navigare, nel caso in cui ti allontani dalle canne in caso di maltempo.

Ci sono diversi possibili itinerari del tour, ma la versione seguente è abbastanza standard. Come vedrai, il tour è breve. Tuttavia, molti sciatori trascorrono più di una notte in ogni rifugio e ne approfittano per fare escursioni giornaliere con zaini leggeri.

Fase 1 ti porta alla cabina Storholiseter, una distanza da 15 a 20 km, a seconda del punto di partenza. Il percorso si snoda principalmente attraverso boschi di betulle e abeti rossi, finché non si esce dagli alberi un paio di chilometri prima di raggiungere Storholiseter, un gruppo di capanne che un tempo fungevano da fattoria di montagna. L’alloggio DNT è distribuito tra due delle cabine: in totale ci sono 18 posti letto.

Fase 2 ti porta alla cabina Storkvelvbu, una distanza di circa 12 km. Lungo la strada si sale gradualmente fino a un’altezza di 1200 m e si dovrebbe avere una bella vista dei monti Jotunheim, i più alti della Norvegia, alla vostra destra.

Fase 3 va a Haldorbu, una cabina da 16 posti letto situata a 1025 m sul livello del mare. La distanza è di circa 14 km.

Fase 4 va a Liomseter (915 m), che è una cabina con personale. (O, comunque, è presidiato durante la parte più movimentata della stagione turistica, normalmente le due settimane che precedono Pasqua. Per il resto dell’inverno una piccola parte, con appena 10 posti letto, può essere adibita a senza personale.) La distanza da Haldorbu a Liomseter è di circa 16 km e lungo la strada si perdono circa 100 m di altitudine e si scende al di sotto del limite del bosco. Il Liomseter è un edificio abbastanza grande e, se gestito, ha un totale di 40 letti, alcuni in piccole stanze a castello, altri in un dormitorio più grande. Quando è aperto, serve pasti e puoi anche goderti il ​​lusso di una doccia calda.

Fase 5 Per concludere il tuo tour, scia in un luogo isolato chiamato Synsgardsætra, poco più di un parcheggio alla fine di una strada secondaria, a circa 15 km da Liomseter. La tua migliore opzione è quindi tornare all’hotel dove hai trascorso la prima notte. Previo accordo, l’albergatore verrà a prenderti da Synsgardsætra e ti riporterà in hotel. Al mattino presto puoi prendere l’autobus per tornare a Lillehammer e da lì un treno per l’aeroporto di Oslo.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *