Ricordando Lane Frost

Nell’estate dell’89, sono stato intervistato a un rodeo a Redding, in California, insieme a un cowboy dell’Oklahoma e un toro di nome “Red Rock”. Quella sarebbe stata una delle sue ultime interviste; morì al suo prossimo rodeo a Cheyenne, nel Wyoming, il 30 luglio. Il suo nome era Lane Frost.

Più tardi, è stato girato un film sulla sua vita e sulla sua carriera da rodeo chiamato “8 Seconds”. In esso, Luke Perry ha interpretato il giovane atleta e c’era persino un’apparizione di “Red Rock”.

La notizia dell’incidente a Cheyenne si è diffusa rapidamente. Ero in fila a un rodeo a Rock Springs, nel Wyoming, per cavalcare il “circle 8” che è quando tutti i concorrenti di un rodeo vanno in giro per il pubblico prima che inizino le esibizioni. Qualcuno ha detto: “Lane è giù a Cheyenne”.

Quando abbiamo terminato la routine di apertura, abbiamo sentito che Lane era morto. Lane Frost era stato amico di molti nel mondo del rodeo. In effetti, il suo servizio funebre si tenne in una chiesa dell’Oklahoma che ne tenne 1200 e quasi 3500 si presentarono per salutare. I suoi genitori scelsero la sua ultima dimora nel cimitero di Mt. Olivet a Hugo, in Oklahoma, proprio accanto al luogo in cui il suo amico Freckles Brown fu sepolto anni prima.

Il film “8 Seconds” ha cercato di rendere giustizia alla sua vita, ma non ha toccato quanto fosse profonda l’amicizia tra Lane e Tuff Hedeman. Ero con Tuff subito dopo la morte di Lane in un altro rodeo a Fort Madison, Iowa. Si è presentato, pronto a guidare e fare il tour stampa. Tuff ed io siamo stati venduti all’asta per un beneficenza. Entrambi abbiamo dovuto ballare con qualcuno che aveva fatto un’offerta su di noi.

In quel fatidico giorno a Cheyenne, dopo molte piogge, Lane montò su un toro chiamato “Takin’ Care of Business”. I cowboy avevano il loro nome per questo. Hanno etichettato l’animale “Cattivo fino all’osso”. Lane è uscito e ha fatto bene, segnando 85 punti e guadagnando quasi $ 10.000 in premi in denaro. Dopo la corsa, Lane smontò. Fu allora che il toro si voltò e lo speronò. Il suo corno ruppe le costole, recise un vaso sanguigno e trafisse il suo cuore.

È morto nell’arena anche se i medici hanno cercato senza successo di rianimarlo per ore in ospedale. Tuff è stato finalmente autorizzato a vedere il suo amico appena scomparso dopo quello che “sembrava per sempre” nella sala d’attesa. Tre giorni dopo, ha servito come uno dei suoi portatori di bara.

Oggi, c’è una statua del giovane bullrider nell’arena Cheyenne dove ha perso la vita facendo quello che amava fare. Il cimitero dove è sepolto è frequentato costantemente. Molti dal mondo del rodeo e oltre sono stati colpiti dalla morte di questo giovane.

Decine, forse centinaia, lo hanno commemorato nominando i loro figli dopo questo eroe della corrida. Un sito web pubblica le foto della moltitudine di omonimi cowkids chiamati “Lane Frost, Remembrances of 50 years, 25 di loro scomparsi, ma non dimenticati”.

Lane Clyde Frost era un toro professionista americano e membro della PRCA-Pro Rodeo Cowboys Association.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *