Lezioni di business dalla 29a Olimpiade

Anche se non sei un appassionato di sport, è stato difficile evitare la copertura senza precedenti della NBC delle 29 Olimpiadi in Cina. Nonostante il fatto che molti scettici si siano chiesti se la NBC fosse pazza a trasmettere 3.600 ore di televisione olimpica e copertura webcast, la rete del pavone ha colpito l’oro. Le valutazioni Nielsen di queste Olimpiadi hanno superato di gran lunga il pubblico delle precedenti Olimpiadi estive in Grecia, e i suoi numeri sono secondi solo al Super Bowl di quest’anno. Queste Olimpiadi non hanno deluso per una serie di motivi; eccone solo due.

In primo luogo, le Olimpiadi di Pechino ci ricordano il valore della competizione. Sebbene alcuni eventi selezionati siano stati vinti facilmente da un individuo o una squadra dominante (vedi Usain Bolt nei 100 metri maschili), il vincitore è stato spesso sconosciuto fino agli ultimi secondi della maggior parte degli eventi. Probabilmente l’immagine più duratura di queste Olimpiadi è Michael Phelps, il vincitore di otto medaglie d’oro a Pechino, che festeggia con i suoi compagni di squadra quando la squadra di nuoto maschile degli Stati Uniti è uscita da una sconfitta apparentemente certa per battere la Francia al muro nel 4 x 100 maschile staffetta stile libero. In breve, la competizione offre ai suoi partecipanti la possibilità di misurare in modo definitivo le proprie prestazioni.

In secondo luogo, le Olimpiadi di Pechino ci ricordano il valore della cooperazione. Nomina qualsiasi altro evento esistente oggi in cui 202 nazioni si incontrano e seguono lo stesso insieme di regole per due settimane. Non puoi. Come affermò nel 1896 il barone Pierre de Coubertin, l’appassionato francese che contribuì a far risorgere i moderni Giochi Olimpici, “La cosa più importante ai Giochi Olimpici non è vincere, ma partecipare” (Uschan, 2000, p. 8). In effetti, ogni Olimpiade fornisce un’istantanea di ciò che si può ottenere quando le nazioni scelgono di essere d’accordo, piuttosto che in disaccordo. (Ricordiamo che questi eventi si sono verificati sullo sfondo dell’invasione russa della Georgia.) In breve, la cooperazione è la base del progresso.

Competizione e cooperazione: due ragioni per cui queste Olimpiadi hanno attirato un pubblico da record e due potenti strumenti per qualsiasi CEO o manager concentrato sull’aumento della produzione e dei profitti dell’azienda in questi tempi economici difficili.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *