L’affascinante storia della pallamano

Variazioni sul gioco della pallamano sono state praticate in tutto il mondo per migliaia di anni. Conosciuto come uno dei più antichi giochi con la palla, la pallamano è stata giocata in Egitto oltre quattromila anni fa, nell’antica Roma e da molte culture sudamericane.

Gli antichi egizi giocavano a una varietà di giochi con la palla. Disegni di egiziani che giocano a pallamano sono stati trovati mentre decorano tombe di cinquemila anni a Saqqara, che raffigurano ragazze in squadre di due che giocano al gioco. Le palle usate nelle palle di mano egiziane erano progettate per essere sia leggere che resistenti: erano fatte di una pelle di cuoio imbottita con fieno o altre fibre vegetali come il papiro.

Nell’impero romano il gioco era chiamato expulsim ludere e si giocava su campi chiamati sphaeristas. Si dice che Alessandro Magno sia stato responsabile della diffusione del gioco tra le colonie greche in Italia nel primo millennio aC, e da lì si è diffuso in altri paesi dell’Impero Romano. I dettagli su come si giocava il gioco durante quest’epoca sono imprecisi, ma si ritiene che fosse simile a quella che oggi è conosciuta come pallamano a muro.

In Francia durante il Medioevo, il gioco era chiamato jeux de paume (gioco della palma) ed era popolare sia tra la nobiltà che tra i contadini. La palla era composta da pezzi di stoffa arrotolata cuciti insieme e, man mano che il gioco si evolveva, venivano usati guanti per consentire un colpo più forte della palla. Si pensa che questa forma di pallamano sia un precursore del tennis: man mano che il gioco si è evoluto in Francia, i giocatori hanno iniziato a usare guanti sempre più grandi, finché alla fine hanno iniziato a usare oggetti che assomigliavano alle prime racchette da tennis.

In America, la pallamano ha più di tremila anni ed è nata in Messico. I giocatori di pallamano sono raffigurati su ceramiche dipinte, sculture e dipinti murali trovati in siti archeologici in molte parti dell’America centrale. Dei giochi praticati da queste antiche civiltà, quello che più somiglia alla moderna pallamano è Rebotea a mano con pelota dura, o “pelota hardball rimbalzata con la mano”. Questo gioco era giocato dal popolo Chichimeca, su campi che misuravano 20 piedi per 40 piedi. Molti siti di rovine antiche nell’America centrale contengono tali corti e, insieme alla moltitudine di opere d’arte che raffigurano il gioco, indica che era una parte importante della vita di queste antiche culture.

In questi giorni la pallamano è uno sport sempre più popolare – è entrata a far parte dei Giochi Olimpici, e molti tornei internazionali sono dedicati alla pallamano – non a caso, la squadra egiziana è nota per essere molto talentuosa, forse per tutte le civiltà del mondo , lo suonano da più tempo!

Avviso per gli editori: non esitare a utilizzare questo articolo nella tua ezine o sul tuo sito web; tuttavia, TUTTI i collegamenti devono rimanere intatti e attivi.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *