John Akii-Bua, non Jean-Baptiste Okello – Aggrey Awori detiene il record dell’Uganda nei 110 M-ostacoli

La letteratura attribuisce prevalentemente il record nazionale dell’Uganda dei 110 metri a ostacoli a Jean-Baptiste Okello, grazie al suo record personale di 14,48 secondi stabilito alle Olimpiadi del 1960 a Roma.

Il 20enne Okello e il 21enne Aggrey Awori hanno rappresentato l’Uganda nell’evento high-hurdles di Roma. Il primo turno della competizione, poi i quarti di finale, poi le semifinali, e poi la finale, si disputarono tutti lo stesso giorno 3 settembre 1960. Il turno preliminare era composto da sei batterie, Okello fu inserito nella prima batteria, Awori è entrato nella sesta manche. C’erano da cinque a sette ostacolisti in ogni batteria e i quattro più veloci di ogni batteria si sarebbero qualificati per il secondo round (quarti di finale). Nella sua manche Okello è secondo (14.59), quindi è passato al turno successivo. Awori non è andato altrettanto bene, ha concluso al quarto posto (15.36), ma si è comunque qualificato per i quarti di finale.

I quarti di finale sono stati divisi in quattro batterie, ciascuna con sei ostacoli. I tre più veloci di ogni batteria si qualificherebbero per le semifinali. Nella prima manche, in cui si è piazzato Okello, è arrivato secondo (14.48), qualificandosi così alle semifinali. Questo è stato un nuovo e impressionante record in Uganda. Awori è stato eliminato dopo essere arrivato quarto nella terza manche (14.94).

Le semifinali consistevano in due batterie, ciascuna con sei atleti. Okello è apparso nella prima manche. I tre più veloci di ogni batteria sarebbero passati alla finale. Okello non è passato alla finale, dopo essere arrivato quinto qui (14.59).

Verso la fine dei Giochi, Awori e Okello avrebbero fatto parte della staffetta 4×100 m dell’Uganda. Sono stati squalificati al primo turno. Gli altri velocisti erano Samuel Amukun e Gadi Ado. I quattro giovani sono stati gli unici concorrenti dell’Uganda alle Olimpiadi di Roma. Tra i quattro, solo Samuel Erasmus Amukun e Aggrey Awori sarebbero passati a rappresentare l’Uganda alle Olimpiadi del 1964 a Tokyo. Awori avrebbe stabilito record scolastici negli sprint, nel salto in lungo e negli ostacoli elevati all’Università di Harvard, e in seguito sarebbe diventato un importante funzionario e politico dell’Uganda. Amukun divenne un importante geologo in Canada.

Alcuni hanno sostenuto che Aggrey Awori detiene il record di 110 metri a ostacoli dell’Uganda. Ha terminato gli ostacoli elevati in un incontro e un record di Harvard di 14,2 secondi all’inizio di maggio 1965 al Greater Boston Collegiate Track and Field Championships all’Harvard Stadium (Editors 1965: 8). Il problema è che era nei 120 yarde a ostacoli. Questo è molto approssimativo, ma non esattamente 110 metri. Inoltre, le condizioni non sono state riconosciute o ratificate da un ente internazionale di atletica leggera. C’era anche il fattore dei venti favorevoli.

Nascosto negli annali c’è il record nazionale dei 110 metri a ostacoli che l’oro olimpico John Akii-Bua, che detiene anche i record nazionali nel decathlon e nei 400 metri, stabilito ai Giochi del Commonwealth del 1970 tenuti a Edimburgo. I Giochi si sono svolti dal 16 al 25 luglio. È risaputo che qui Akii-Bua è arrivato quarto, nella finale dei 400 metri a ostacoli, l’inizio della sua fulminea ascesa alla celebrità.

A Edimburgo ci sarebbero stati tre round di 110 metri a ostacoli, inclusa la finale. Ogni round era composto da sette ostacolisti e i cinque più veloci di ogni batteria sarebbero passati alle semifinali. Akii-Bua è stato inserito nella prima manche di tre manche, è passato alle semifinali in virtù del suo quarto posto. Ha terminato in 14,39 secondi, chiaramente un nuovo record in Uganda. Non sembrano esserci prove che nessun ugandese abbia corso più velocemente di così nell’evento. Il vincitore in questa manche è stato in particolare la leggenda britannica David Hemery che aveva vinto l’oro alle Olimpiadi del 1968 a Città del Messico, dove ha stabilito contemporaneamente un nuovo record mondiale.

Ai Giochi del Commonwealth del 1970 a Edimburgo, ci furono due semifinali nei 110 metri a ostacoli; e Akii-Bua fu piazzato nel secondo, ciascuno composto da otto ostacolisti. I primi quattro più veloci di ogni semifinale sarebbero passati alla finale. Akii-Bua non è riuscito a raggiungere la finale finendo quinto in 14,43 secondi. Ma anche questo tempismo è stato più veloce del record dell’Uganda che Jean-Baptiste Okello detiene erroneamente (14.48)!

David Hemery vincerebbe in finale (13.99) e rivendicherà l’oro.

Lavori citati
Editori, “Harvard vince ancora, Fiore stabilisce record”. The Heights, Volume 45, No. 25 (1965): 8.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *