Incontri con precisione le tue ceramiche Van Briggle

Nessuno vuole acquistare ceramiche che sono convinte siano autentiche, solo per scoprire in seguito che sono state acquisite. È difficile per molti di noi conciliare nella nostra mente ci sono quelli là fuori che predano nuovi collezionisti o quelli che non hanno familiarità con i segni di una specifica collezione. Aggiungi alla confusione il fatto che molte collezioni hanno più di un marchio autentico, può presto diventare travolgente. Ma non deve essere. Se fai le tue ricerche prima di iniziare la tua ricerca per la ceramica Van Briggle, sei sulla buona strada per fare acquisti consapevoli basati su una solida comprensione di ciò che indicano i segni, anche quando tutte le indicazioni indicano un venditore meno che nobile.

E’ importante capire il metodo alla base della marcatura della ceramica, che, in questo caso, è la realizzazione dell’unica consistenza durante i primi anni è l’incoerenza nei suoi metodi di marcatura. Questo è il motivo per cui è così importante prestare attenzione alla colorazione e alle trame dell’argilla, in particolare quei pezzi dei primi due decenni del 1900.

C’è stato un breve periodo dal 1900 circa fino all’inizio del 1907, quando la ceramica era, di regola, accuratamente contrassegnata. Su questi pezzi sono spesso presenti il ​​logo Van Briggle, la data, il numero della forma e un numero romano. Cerca il numero romano III, poiché è indicativo di pezzi creati nel 1902 e nel 1903. Il numero romano V ti fa sapere che è un pezzo realizzato nel 1904 mentre quelli prodotti nel 1905 sono spesso contrassegnati con diversi numeri romani, tra cui V, X VV e VX. Fortunatamente, Van Briggle smise di usare il metodo confuso e spesso contraddittorio di incorporare i numeri romani. È in questo momento che “Colorado Springs” o “Colo Springs” è stato introdotto e l’inclusione di uno di questi segni data con precisione la ceramica.

Il 1907 ha portato con sé i contrassegni che includono il logo, Van Briggle, Colo Spgs, il numero di forma e la data. Nello stesso anno, i numeri dei finisher venivano comunemente aggiunti a uno o entrambi i lati del doppio logo “A” (AA). Questo metodo è stato utilizzato fino al 1912, insieme a una data completa occasionale scritta.

1913, Van Briggle produsse ceramiche caratterizzate dall’inclusione del logo della doppia “A” e della data. Per un breve periodo nel 1915 e fino al 1916 furono realizzati pezzi con un numero di forma inciso accompagnato dal logo e dalla data.

Negli ultimi anni fino al 1920, tutte le ceramiche Van Briggle non datate sono solitamente contrassegnate con il logo e “VAN BRIGGLE” scritto in maiuscolo o scritto in caratteri. Un altro indicatore di data rivelatore è il fondo di argilla più scuro. A volte viene definito un “fondo sporco” tra i collezionisti. Ancora un’altra tendenza ha preso piede nel 1920. Insieme al logo, puoi trovare spesso il numero “20”, che ovviamente indica la sua creazione nel 1920.

La cosa importante da ricordare mentre stai cercando di creare la tua collezione Van Briggle è familiarizzare con le variazioni. Sebbene ce ne fossero diversi, una volta che hai imparato a identificare con precisione questi splendidi pezzi di ceramica, sei sulla buona strada per costruire la tua collezione che amerai e godrai per sempre, che è l’intero scopo della ceramica collettiva Van Briggle.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *