Immersioni alle Seychelles e sbiancamento dei coralli

La maggior parte dei visitatori delle isole Seychelles non può mai sperimentare le meraviglie che ti aspettano quando fai immersioni subacquee o snorkeling lì. Rimangono sulla spiaggia e si meravigliano delle incredibili sabbie e non pensano molto a da dove provenga.

Le Seychelles sono un gruppo di 155 isole tropicali sparse per quasi un milione di miglia quadrate di mare nell’Oceano Indiano occidentale. È ben noto per le sue splendide spiagge di sabbia corallina bianca, ma la sua bellezza sottomarina e l’abbondanza di pesci sono ancora relativamente sconosciute e sconosciute.

Le immersioni alle Seychelles sono migliori che mai. La gente parla di “sbiancamento dei coralli” e morte dei coralli alle Seychelles come se fosse un nuovo fenomeno che in qualche modo dovrebbe essere fermato e invertito, se possibile. Questo perché alle persone non vengono forniti tutti i fatti, specialmente da coloro che dovrebbero conoscerli meglio. Lo sbiancamento dei coralli è solo un lavoro in corso della natura. E quelli che si sono tuffati in queste isole per 10 anni o più sanno diversamente. E non è tutto male.

Ma alcuni scienziati potrebbero avere la loro agenda. Quindi finisci per non conoscere tutti i fatti. In poche parole, la morte dei coralli si verifica da migliaia di anni alle Seychelles. Come ha detto meglio Charles Darwin, si tratta di evoluzione, sopravvivenza e adattamento. I coralli muoiono? Assolutamente, ma dobbiamo preoccuparci? Sicuramente no! Comunque non alle Seychelles.

Alle Seychelles i coralli morti risultanti forniscono più pascolo per erbivori come pesci chirurgo e pesci pappagallo, che hanno visto un aumento di numero dopo il cosiddetto evento di sbiancamento dei coralli del 1998. Coloro che lo studiano sembrano riconoscere che si presenta in un ciclo, ogni 10-12 anni legati all’effetto El Nino. Quindi è un fenomeno naturale.

In quel momento muoiono i più deboli. Entra in gioco la legge della selezione naturale. I forti sopravvivono e si propagano e il mondo continua a girare. Quindi non è la fine del mondo. E la barriera corallina è come nuova dopo un periodo di tempo relativamente breve di 2 o 3 anni. E durante quel periodo alcune specie di pesci aumentano di numero a causa dell’aumento del foraggio fornito dalla crescita di nuove alghe. E tornerà…

Quando vado a fare immersioni alle Seychelles e noto che lo sbiancamento dei coralli si verifica di nuovo nel 2010, mi ricorda la natura della vita: crescita e decadimento, vita e morte, adattamento e sopravvivenza ed evoluzione attraverso la selezione naturale. Ma soprattutto mi ricorda che questo stesso processo sta accadendo da migliaia di anni. Allora perché tutto questo trambusto adesso?

Mi ricorda anche che questo è il motivo per cui abbiamo spiagge bianche così belle alle Seychelles. Fa tutto parte dello stesso processo. Alcuni dei coralli sbiancati finiranno per aggiungersi al deposito di sabbia sulla spiaggia, tra mille anni. Quindi va tutto bene.

Farei una campagna per cercare di fermare l’evento ciclico del corallo? Assolutamente no! Perché dovrei voler combattere la natura? Come lo combatteresti comunque? Sembra una ricetta per il fallimento. Quando vedo questo mi diverto davvero. È come la neve d’inverno. E so che quando arriverà la “primavera sottomarina”, certa come la prossima alba, sarà ancora più bella e più bella.

Guardalo con occhi nuovi. Lascia che la natura faccia il suo lavoro e goditela la prossima volta che farai immersioni alle Seychelles. E quando torno in spiaggia so che la natura è stata buona con noi. Come si può criticare quando si vedono le meravigliose sabbie coralline bianche delle Seychelles?

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *