Handicap per le corse di cavalli – Passaggi per scegliere le tue migliori scommesse

Probabilmente vorresti realizzare un profitto scommettendo sulle corse di cavalli se le hai handicap, ma come la maggior parte delle persone, probabilmente hai anche problemi con quello. Alcune persone sono semplicemente giocatori di cavalli ricreativi mentre altri ci lavorano come un lavoro a tempo pieno. Non importa dove tu possa cadere in quell’ampio spettro di sforzi, senza dubbio hai giorni buoni e giorni cattivi.

Oltre ai giorni buoni e ai giorni cattivi, devi anche avere scommesse che pagano e quelle che sembravano così buone quando le hai fatte ma sei andato a sud. Se solo potessi separare le scommesse davvero buone da quelle puzzolenti, saresti in vantaggio, giusto? Non posso garantire che questi passaggi ti renderanno un vincitore, ma posso dirti questo: organizzare i tuoi pensieri e imparare a separare le migliori scommesse dalle peggiori ti renderà un handicapper e un giocatore di cavalli migliori.

Per prima cosa, mettiamo le cose in chiaro. Questo articolo riguarda le scommesse sulle corse di cavalli, non i fattori effettivi per scegliere i vincitori. Si tratta di valutare i corridori e poi decidere quali potrebbero essere i più redditizi in base alle loro possibilità di vincita. Quindi ci sono due componenti da considerare. L’abilità è la prima e il prezzo o il guadagno è la seconda componente. Abilità significa quanto veloce e lontano può correre un cavallo. Payoff significa le quote e ciò che otterrai per il tuo rischio o investimento.

Passaggio 1. Il passo più grande e più importante che qualsiasi giocatore di cavalli può fare per avere successo è il semplice atto di prendere appunti e poi consultarli regolarmente per imparare e adattarsi.

Passaggio 2. Il secondo passo più grande nel processo per diventare un handicapper di successo nelle corse di cavalli è imparare il più possibile sulle corse di cavalli e separare sistematicamente le informazioni utili da quelle inutili. In altre parole, per sapere cosa devi sapere. Come? È qui che entrano in gioco il primo e il terzo passaggio.

Passaggio 3. Prendere appunti ti darà una cronologia di ciò su cui scommetti e perché. Ti mostrerà anche quali scommesse hanno funzionato e quali no. Ti dirà quali gare sono state redditizie o quasi redditizie. Ad esempio, potresti scoprire che studiando gli allenatori su una pista particolare capisci bene quali vinceranno rivendicando gare e annotando alcune delle loro mosse, potresti scegliere dei bei vincitori.

Sia che tu utilizzi un evidenziatore o un programma di fogli di calcolo, guardare una cronologia delle tue scommesse ti mostrerà quali sono le migliori e quali sono le peggiori. Mantieni il meglio, anche se sono dei perdenti e smetti di peggiorare. Ad esempio, se stai perdendo più soldi giocando a gare su erba o su piste sintetiche, non scommettere su di loro.

Passaggio 4. Impara a specializzarti. Prendi le gare in cui guadagni o quasi guadagni e rivendichi quel tipo di gara come tuo. Concentrati su quelle gare e apporta un solo cambiamento alla volta per avvicinarti sempre di più al tuo obiettivo finale. Un profitto. Imposta un certo numero di gare, diciamo 40 gare, e vedi se puoi trarne profitto. Quindi fai di nuovo la stessa cosa. Se un singolo cambiamento, il modo in cui valuti o pesi un fattore, forse, fa una differenza positiva per il tuo ritorno sull’investimento (ROI), allora mantienilo. In caso contrario, torna al vecchio modo e inizia a guardare un’altra singola modifica che puoi apportare.

Ci vuole tempo per diventare un handicapper di corse di cavalli e trovare le tue migliori scommesse sulle corse di cavalli è il modo per farlo.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *