Gambaru giapponese – Significato letterale e impatto culturale

La parola Gambarù in giapponese significa fare del proprio meglio e resistere fino alla fine. Ciò significa che gli studenti gambaru studiano duramente per superare gli esami, gli atleti gambaru si esercitano duramente per vincere le partite e i dipendenti dell’azienda gambaru lavorano duramente per aumentare le vendite. Significa anche lavorare sodo o con pazienza, insistere per avere la propria strada, occupare un posto e non andarsene mai, come in relazione al lavoro o al posto di lavoro. Gambaru è anche radicato nel seguente proverbio: “Il monaco che non lavora non dovrebbe mangiare”.

Esiste una forma imperativa di “gambaru, che è Gambare o Gambette. Il termine imperativo connota risultati elevati, motivazione e orientamento all’armonia di gruppo. Il termine è anche usato tra i membri per incoraggiare gli altri nell’attività di gruppo.

I giapponesi usano il termine gambare abbastanza spesso e per vari motivi. Normalmente usano il termine almeno una volta al giorno per salutare e anche alla fine di una lettera. I giapponesi usano anche questa espressione per incoraggiarsi a vicenda con l’implicazione di “Per favore, continua il tuo duro lavoro fino a quando il tuo obiettivo non sarà raggiunto”.

Il termine è anche usato in molte situazioni come forma espressiva. I giapponesi possono usare l’espressione negli stati iniziali di un progetto. Per esempio:

a) Dopo il terremoto di Kobe, in Giappone, lo slogan Gambare Kobe è stato utilizzato per incoraggiare la gente di Kobe a ricostruire la propria città e ricostruire le proprie vite.

b) I giapponesi usano l’espressione anche tra i membri del gruppo per incoraggiarsi a vicenda nelle attività di cooperazione. Ad esempio, durante le giornate di atletica leggera a scuola, i bambini possono essere sentiti gridare “gambare” o “gambatte” per incoraggiare i loro amici alla gara.

c) I giapponesi usano l’espressione anche come spettatori per fare il tifo per la loro squadra. Ad esempio, nella partita di calcio della Coppa del Mondo del 1998 tenutasi in Francia, gli spettatori giapponesi hanno acclamato lo slogan Gambara Nippon! Durante il campionato, lo slogan è stato utilizzato tutti i giorni in programmi TV e spot pubblicitari.

Il significato letterale di ganbaru è “aderire a qualcosa con tenacia”. È un termine molto popolare usato per incoraggiare qualcuno che intraprende un compito molto difficile. Ulteriori significati sono: Resisti, non mollare, fai del tuo meglio, e Dare il tutto! Il termine significa anche lavorare sodo e pazientemente. Inoltre, esorta l’entusiasmo e il duro lavoro degli altri.

Gamburu ha anche qualche significato aggiuntivo, alcuni dei quali potrebbero essere considerati connotazioni negative. Basato sulla forma di denotazione della parola, significa anche “insistere per avere le proprie vie” e “occupare un posto e non andarsene mai”. Inoltre, la parola deriva da ga-o-haru, che significa “essere ostinati”. Questa espressione originariamente aveva una connotazione negativa di affermarsi contro le decisioni e le norme del gruppo.

Ci si potrebbe chiedere se altre lingue hanno l’equivalente di ganbari. Secondo Amanuma (1987, pp. 51-53), ganbari, che deriva da ganbaru, non ha alcun equivalente esatto nelle lingue non giapponesi. Inoltre, Amanuma afferma: “Anche se sia il cinese che il coreano hanno i caratteri che compongono gambaru (gambari deriva da gambaru), non hanno espressioni che possiedono le stesse sfumature. Ciò suggerisce che gambaru è un’espressione unica in Giappone ed esprime alcune qualità del carattere giapponese.

Ci sono vari proverbi che possono mostrare una differenza tra la cultura giapponese e la cultura americana in relazione alle virtù di Gambaru. Un proverbio basato sulla cultura giapponese afferma: “Il monaco che non lavora non dovrebbe mangiare”. Questo parla del fatto che si deve lavorare e che attraverso il lavoro si può vivere. I giapponesi non hanno tenuto conto del gioco o del tempo libero in questo proverbio, a differenza delle Americhe nel seguente proverbio.

In alternativa, un proverbio americano afferma: “Tutto il lavoro e niente gioco rendono Jack un ragazzo noioso”. Ciò implica che non si deve lavorare ma riposare e giocare. Mette il gioco e il lavoro nella stessa categoria e allo stesso livello che equivalgono alla virtù. Il racconto del gioco in questo proverbio dà ai giapponesi una sensazione di disagio riguardo alle virtù di Gambaru in termini americani.

© Joseph S. Spence, Suor, 16/08/09

© Tutti i diritti riservati

Inserito da “Epulaeryu Master”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *