Diverse atlete di atletica leggera dimostrano la loro grande sportività e sostanza

Due eventi separati di recente hanno mostrato ancora una volta quanto possano essere incredibilmente impressionanti le nostre giovani donne americane: una è un esempio di pura sportività al suo meglio, e l’altra un esempio di puro desiderio, determinazione e sostanza.

Il primo evento è avvenuto al Washington Class 4A State Girls Track & Field Championship Meet a Pasco e alla corsa della gara di 3.200 metri con Nicole Cochran, l’eccezionale mezzofondista di Bellarmine Prep.

Cochran ha vinto l’evento in 10:36, battendo Andrea Nelson di Shadle Park di 3 secondi. Trenta minuti dopo, gli ufficiali di gara hanno squalificato Cochran, stabilendo che il corridore diretto ad Harvard ha corso 3 passi consecutivi all’interno della corsia adiacente alla sua. L’allenatore della preparazione del Bellarmino Matt Ellis ha presentato ricorso contro l’infrazione, ma il suo appello è stato respinto.

L’infrazione è avvenuta il primo giorno dell’incontro e Cochran era visibilmente sconvolta perché sapeva di non aver commesso l’infrazione. Inoltre, Cochran era il campione in carica dello stato, avendo vinto sia i 1.600 che i 3.200 titoli da junior.

Non è mai sembrata se stessa dopo le notizie schiaccianti e la pura ingiustizia di tutto ciò. Nel secondo giorno di gara, Cochran era in testa ai 1.600 ed è stata uccisa a colpi di arma da fuoco nell’ultimo giro quando Mietra Smollack di Oak Harbor l’ha eliminata a calci nell’ultima curva vincendo in 4:56.44. Cochran è arrivato 4 °.

Più tardi nel pomeriggio, Cochran ha corso gli 800 metri ed è finito ultimo in 2:24.40. “Semplicemente non sono rimasto con loro e mi sono arreso dopo 450 metri”, ha detto un abbattuto Cochran.

Nonostante abbiano perso i punti di Cochran, i suoi compagni di squadra si sono giustamente irritati e sono stati all’altezza dell’occasione vincendo il titolo a squadre con 76,5 punti contro i 65 del secondo posto di Gig Harbor.

“Ho dato un sacco di sforzi nei 3.200”, ha detto Cochran, “e poi c’è stato il bilancio emotivo dopo, seduto qui per un’ora intera mentre hanno capito i 3.200, il che è stato un peccato perché so di non essere in sbagliato e sono stato penalizzato per questo”.

In uno spettacolo di pura sportività, quando la vincitrice ufficiale di 3.200 gare Andrea Nelson si è aggiudicata il suo primo posto di metallo sul podio, pochi istanti dopo ha regalato la sua medaglia del primo posto a Cochran. Sarah Lord di Redmond ha seguito dando a Nelson la sua medaglia del secondo posto, e le altre vincitrici di medaglie hanno seguito l’esempio.

“Mi ha fatto venire i brividi”, ha detto Cochran. “Mostra quanto rispetto hanno i corridori di distanza l’uno per l’altro.”

E ora la storia dopo la storia: dieci giorni dopo quel pomeriggio movimentato, la Washington Interscholastic Activities Association ha reintegrato Cochran come legittimo vincitore, annullando un’accusa di infrazione alle regole fatta dagli ufficiali di gara.

Mike Colbrese, direttore esecutivo della WIAA, ha esaminato il video della gara che mostrava che era il compagno di squadra di Cochran a uscire dalla corsia e che il rapporto dei funzionari ha anche identificato erroneamente il giro in questione come il giro 7 quando l’infrazione si è effettivamente verificata al giro 6. Tanto per quello sforzo arbitrale pasticciato.

Gli ufficiali di gara si sbagliavano di grosso il giorno della gara, ma erano anche assolutamente sicuri di avere ragione e anche al comando il giorno della gara. Il gatto miagerà e il cane farà il suo tempo (da Shakespeare’s “Amleto”, atto 5, scena 1, che significa “il momento di gloria di qualsiasi persona è inevitabile), o, come mi piace dire: “giusto uscirà”.

Il secondo evento è avvenuto al Texas 1A Girls State Track & Field Championship Meet ad Austin, dove la Rochelle High School ha vinto il titolo a squadre. Allora, cosa c’è di così insolito, chiedi? Proprio questo: Rochelle ha qualificato esattamente un atleta per l’incontro statale e ha vinto da sola il titolo statale per la sua squadra.

Incontra Bonnie Richardson, uno studioso di desiderio, determinazione e sostanza come nessun’altra ragazza atleta di atletica leggera nella storia del liceo del Texas.

Richardson, il cui secondo nome potrebbe essere solo talento, ha trascorso venerdì vincendo il salto in alto a 5 piedi e 5 pollici, si è piazzato 2° nel salto in lungo con 18-7 e terzo nel discus con 121-0.

Sabato, Richardson è sceso in pista nel caldo torrido del Texas a 90 gradi e ha prontamente vinto il trattino dei 200 metri in 25.03 e ha seguito lo sforzo quasi tirando fuori un enorme ribaltamento nei 100 prima di finire 2 ° in 12.19 per la campionessa in carica Kendra Coleman di Santa Ana.

“Kendra ed io abbiamo combattuto tutto l’anno”, ha detto Richardson. “Sono rimasto stupito di essere rimasto con lei. Non pensavo di essere così veloce”. Sì, Bonnie Richardson, a quanto pare SEI COSÌ veloce.

Quindi Richardson ha rubato la scena in Texas? No, ha appena guadagnato alla sua squadra il titolo di stato da sola. I funzionari della University Interscholastic League non riuscivano a ricordare che una ragazza avesse mai vinto un titolo di squadra statale da sola.

È successo prima dell’incontro del campionato maschile di stato quando l’ex Balyor Bear e Pittsburgh Steeler Frank Pollard lo hanno fatto per la Meridian Highs School negli anni ’70, ha affermato il direttore di atletica leggera della UIL Charles Breithaupt.

Molte atlete eccezionali hanno dominato gli incontri statali, ma poche sono mai passate dagli sprint agli eventi sul campo con il successo di Richardson, ha detto Beithaupt. “Il modo in cui lo ha fatto è davvero impressionante.” Questo è, ovviamente, ciò che pensavano tutti coloro che erano lì per vederlo accadere.

E il kicker? Si scopre che la Rochelle High School non ha nemmeno una pista su cui esercitarsi. Quando è stato chiesto a Richardson come si allena, ha risposto scherzosamente: “Attenzione alle buche”, aggiungendo: “Abbiamo una pista a circa 10 miglia lungo la strada e ci alleniamo di solito lì”.

L’allenatore di Richardson, Jym Dennis, sospettava che potesse fare qualcosa di speciale all’incontro di stato, ma saggiamente rimase in silenzio, non volendo esercitare alcuna pressione sul suo atleta di punta.

L’anno scorso, Richardson ha vinto il titolo statale di salto in lungo, ma non ha vinto la medaglia nel salto in alto e nel discus.

E l’ulteriore grande fortuna per la Rochelle High School? Bonnie Richardson è una giovane.

Richardson gareggia anche nella squadra di tennis di Rochelle e la scorsa stagione ha guidato la squadra di basket di Rochelle alle semifinali statali.

“Giocherei a calcio se i miei genitori me lo permettessero”, ha detto Richarson, aggiungendo “Non quarterback. Difesa”. Sembra il mio tipo di ragazza coraggiosa, competitiva e disposta a risolvere tutti i problemi sul campo di battaglia.

Lou Holtz, uno dei leggendari allenatori del football universitario, era famoso per molte citazioni, inclusa questa: “Quando tutto è detto e fatto, più si dice che si fa”. In qualche modo, penso che Lou Holtz sarebbe stata una grande ammiratrice di Bonnie Richardson e del suo straordinario sforzo in quel caldo pomeriggio del Texas in cui ha consegnato da sola un titolo statale alla Rochelle High School.

Ed ecco qua: Nicole Cochran, ogni ragazza sul medagliere per la cerimonia dei 3.200 metri, le compagne di squadra di Cochran e Bonnie Richardson, tutte ragazze normali che hanno fatto cose straordinarie perché potevano e lo avrebbero fatto.

Copyright © 2008 Ed Bagley

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *