Diario di un maratoneta – 103 giorni al giorno della gara

Mi sto allenando per la Maratona di Rotterdam. Quella gara, che si terrà nei Paesi Bassi, è prevista per l’11 aprile, ovvero tra 103 giorni da oggi. Ti accompagnerò in quel viaggio con me e ti fornirò ispirazione e consigli pratici lungo il percorso.

Ho già corso maratone. Questo sarà il mio 12esimo, escluse le cinque distanze di maratona che ho corso come parte di un triathlon Ironman. Quasi chiunque può finire una maratona (consulta sempre il tuo medico prima di iniziare qualsiasi programma di allenamento). Meglio ti prepari, meglio farai.

Mentre il mio allenamento per la Maratona di Rotterdam è iniziato specificamente due mesi fa, nel novembre 2009, mi alleno costantemente come corridore, e in precedenza come triatleta, da molto più tempo. Negli ultimi quattro anni ho corso sette maratone, con la più lenta che mi ha impiegato 3 ore e 15 minuti e la mia più veloce 3 ore e 7 minuti.

Il mio obiettivo per ogni maratona è di correre più veloce di prima, in altre parole sto cercando di stabilire un record personale (PB). Sebbene la mia ricerca per diventare più veloce sia una parte importante della mia motivazione a continuare ad allenarmi costantemente cinque giorni a settimana, per circa 50 settimane all’anno, non è l’unico motivo per cui corro. Corro perché correre mi fa stare bene, mentalmente e fisicamente.

L’allenamento per la maratona è difficile ma non è così difficile come potresti pensare. Ci vuole pazienza e circa 10 ore a settimana. Consiglierei anche un allenatore di corsa esperto, che può darti un programma di allenamento: uno che ti metta alla prova ma ti mantenga anche in salute puntando il volume e la difficoltà dell’allenamento sulla tua esperienza.

L’allenatore di corsa che scrive i miei programmi di allenamento lo fa da giugno 2005. Lo vedo raramente. Ha sede in Australia, dove vivevo, e io risiedo in Canada. Comunichiamo via e-mail. Quando gli ho detto che volevo correre la Maratona di Rotterdam, ha creato per me un programma di allenamento quotidiano e me lo ha inviato via email come foglio di calcolo. Ogni giorno apro quel foglio di calcolo e faccio come mi dice.

Non ho bisogno di pensare al mio allenamento, devo semplicemente fare quello che il mio allenatore mi chiede di fare. Mi fido del mio allenatore e della sua conoscenza. Questo è molto importante ed è il motivo per cui è rimasto il mio allenatore per così tanto tempo. Da quando ha iniziato ad allenarmi non mi sono infortunato, cosa di cui sono molto grato. Un infortunio causato dalla corsa troppo e troppo presto può richiedere molto tempo per guarire e potrebbe impedirti di fare qualsiasi allenamento.

La mia sessione di allenamento di oggi consiste in una cosiddetta corsa facile di 1 ora e 20 minuti. Correre facile significa che il mio ritmo dovrebbe essere confortevole: il modo più semplice per sapere se corro facile è poter chattare se corro con qualcun altro.

Il consiglio di oggi: fissati un obiettivo di corsa.

Se stavi pensando di iniziare a correre, cerca un gruppo locale e/o un allenatore con cui farlo.

Se stai già correndo, trova una gara che ti piacerebbe fare in primavera e inizia a pianificare il tuo allenamento per quella, idealmente con un allenatore professionista o un gruppo di corsa rispettabile.

Se sei già un corridore che pensa di essere pronto per una maratona o che ha già corso una maratona, scegline uno che ti dia almeno sei mesi per prepararti. Quindi vuoi controllare i calendari delle gare per i mesi di giugno, luglio o agosto per una maratona che ti piace.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *