Curiosità sul Gambia: le sette meraviglie dell’Africa!

anni ’70

Lo sapevate- La maggior parte del mondo non conosceva il Gambia fino al 1977. Il piccolo paese africano del Gambia è diventato al centro dell’attenzione internazionale quando ha fornito l’ambientazione per la serie TV del 1977 “Roots”, che è il terzo programma televisivo più visto di sempre, dopo “M*A*S*H” e “Dallas”.

Geografia

Lo sapevate- Il Gambia è una nazione, con lussureggianti foreste tropicali e ampie valli fertili, sulla costa dell’Africa occidentale. È una delle nazioni più piccole del globo. Curiosamente, il Gambia è l’unica ex colonia britannica al mondo completamente circondata da un’ex colonia francese (Senegal).

Banjul

Lo sapevate- La capitale è Banjul, che è stata un centro di attività commerciali sin dall’indipendenza dal Regno Unito nel 1965. Nei secoli passati, Banjul è stata una delle prime città ad essere costruite nell’Africa occidentale. Oltre a Banjul, ci sono, ovviamente, altre città importanti: Serukunda, Brikama, Bakau e Farafenni.

Giacomo Isola

Lo sapevate- Il paese vanta un famoso patrimonio mondiale dell’UNESCO nell’Africa subsahariana: James Island e siti correlati. Senza dubbio, ogni luogo è una porta aperta sul passato, da dove migliaia di schiavi furono inviati negli Stati Uniti, in Sud America e i Caraibi. Questo sito del patrimonio mondiale, sul fiume Gambia, è un’eredità di una lunga storia di relazioni tra L’Africa e tre paesi europei (Portogallo, Regno Unito e Francia), dai periodi pre-schiavitù alla nuova repubblica del Gambia, uno degli ultimi stati neri del pianeta. In effetti, questo sito è diventato la destinazione turistica più popolare del paese.

Uccelli selvaggi

Lo sapevate- Le foreste pluviali, oltre il 28% del territorio della nazione, fornisce l’habitat a una miriade di uccelli – la cui popolazione è una delle più abbondanti dell’Africa occidentale – come procellarie, pellicani, cormorani, hamerkop e cicogne.

Eventi multisport

Lo sapevate- Almeno tre atleti nazionali (in due sport) hanno preso parte alle Olimpiadi estive nell’agosto 2008. A metà degli anni ’60 ha ottenuto l’indipendenza, ma ha iniziato a gareggiare alle Olimpiadi solo nel 1984. Oltre a questi Giochi, ha partecipa ai Giochi del Commonwealth, ai Giochi africani e ai Giochi universitari mondiali.

Gambia e Stati Uniti

Lo sapevate- Il romanziere americano Alex Haley aveva visitato Juffure, in Gambia.

Città perduta di pietra

Lo sapevate- Oltre ad James Island, in Gambia, ha anche un altro sito storico: “Stone Circles of Senegambia”. Da allora, è un’antica meraviglia dove il passato è sempre presente. Situato lungo il fiume Gambia, questo sito, che raccoglie quattro gruppi di pietre (Kerbatch, Sine Ngayene, Wanar e Wassu), è una delle nuove meraviglie dell’Africa. Sorprendentemente, si stima che contenga un totale di oltre 1.000 blocchi di pietra. Da tempo sconosciuti negli Stati Uniti, questi monumenti, una “sorprendente opera d’arte” nell’Africa occidentale, furono costruiti dal 3° secolo aC al 16° secolo dC; i periodi artisticamente più brillanti della storia del Gambia. Questa vasta area di pietre è stata nominata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2006. Senza dubbio, questa zona conserva la cultura autoctona.

Personaggi Famosi

Lo sapevate- Walli N’Dow è stato segretario generale delle Nazioni Unite sugli insediamenti umani.

Calcio

Lo sapevate- Nell’anno 2009, il Gambia ha dato l’esempio per diverse nazioni del Terzo Mondo. Nonostante abbia uno dei peggiori sistemi sportivi in ​​Africa, ha vinto la Coppa d’Africa FIFA Under 17 e ha gareggiato per i Campionati del mondo (dove è arrivato 11°, davanti a Giappone e Costa Rica). I campioni africani sono stati: Kemo Fatty, Ebrima Saho, Baka Ceesay, Buba Sama, Saikou Jawneh, Omar Bojang, Bubba Jallow, Ismaila Suwaneh, Ebrima Bojang, Osman Darboe, Lamin Sanjo Samathe, Dawda Ceesay, Lamin Samateh, Pateh Nyang, Baboucarr Savage , Demba Janneth, Sanusi Jabbi, Bakary Sanyang, Darbo, Kissima Bojang e Lamin Gibba.

Turismo

Lo sapevate- Il turismo sta crescendo rapidamente. Dall’inizio degli anni 2000, la nazione è una delle tappe turistiche più popolari dell’Africa occidentale. Come mai? C’è un mondo di grandi cose da vedere e da fare in Gambia. Questa vibrante nazione africana è famosa per le sue magnifiche spiagge, la ricca biodiversità, la cucina esotica, l’architettura coloniale, i resort di lusso, la storia, la gente amichevole, ovviamente, e le tradizioni. Allo stesso tempo, è una delle nazioni più stabili. Meno di 100.000 turisti, in media, visitano ogni anno questo piccolo paradiso con l’85% di quelli provenienti da Europa, Giappone, Taiwan e Stati Uniti. Il turismo è il secondo pilastro economico.

Visitatori famosi

Lo sapevate- Questo luogo di lingua inglese, delle dimensioni del Connecticut, è stato visitato da Papa Giovanni Paolo II all’inizio degli anni ’90.

Storia antica

Lo sapevate- L’attuale Gambia ha le sue radici nell’antico Impero del Mali, uno dei regni più potenti del Continente, nel XIV secolo. A quel tempo, era il corridoio naturale tra il Mali e l’Oceano Atlantico. Fu colonia europea dal XV secolo al 1965, quando divenne una nazione indipendente.

Relazioni estere

Lo sapevate- Durante la Guerra Fredda, per oltre 24 anni, il governo del paese ha sostenuto il movimento anti-apartheid, insieme a Uganda, Guyana, India e una miriade di altri stati del Terzo Mondo. Da allora, ha rifiutato il riconoscimento di Pretoria. Verso la metà degli anni ’70, il Gambia si ritirò dalle XXI Olimpiadi estive di Montreal perché la squadra nazionale di rugby della Nuova Zelanda, membro dell’Olympic, aveva visitato il Sud Africa, un paria internazionale tra il 1960 e il 1991. Nel decennio successivo, boicottò anche altri evento multi-sportivo: i Giochi del Commonwealth del 1986 a Edimburgo (Scozia), insieme ad altre squadre nazionali come Kenya, Giamaica e Bahamas.

Autori

Lo sapevate- Lenrie Peters è la scrittrice più rispettata della nazione.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *