Corsa a piedi nudi: fa per te?

In un’epoca di scarpe da ginnastica costose e vetri rotti per strada, correre a piedi nudi è uno spettacolo raro. Ma sempre più allenatori e allenatori si stanno rivolgendo all’allenamento a piedi nudi per i loro corridori e ora gli atleti ricreativi, stanchi di scarpe costose e infortuni agli arti inferiori, stanno riprendendo questa nuova tendenza. In realtà non è così nuovo, dato che le persone corrono a piedi nudi da centinaia di anni. Zola Budd ha reso famosa la corsa a piedi nudi battendo il record mondiale dei 5000 metri femminili nel 1984, correndo a piedi nudi. Allora, perché stiamo tutti pagando un sacco di soldi per stoffa e gomma per circondare i nostri piedi? Le scarpe sono il problema o la soluzione? Molti non sono d’accordo sulla corsa a piedi nudi e il dibattito tra sostenitori dei piedi nudi, allenatori, allenatori, corridori e podologi è in pieno svolgimento.

Proponenti

I sostenitori del barefoot affermano che il piede calzato (piede racchiuso in una scarpa) diventa debole nel tempo quando è ristretto. Affermano anche che il corpo non è in grado di percepire il terreno e adattarsi in modo appropriato. Questa incapacità di percepire e adattarsi in modo appropriato porta a lesioni. Il corpo spende più energia quando si corre con una scarpa rispetto a quando si corre a piedi nudi. Alcuni corridori affermano che i pochi graffi sui loro piedi erano molto meno dolorosi delle vesciche che normalmente devono affrontare dopo una mezza o una maratona completa.

Ricerca

Mancano le prove scientifiche a sostegno della corsa a piedi nudi. Alcuni piccoli studi hanno supportato la corsa a piedi nudi. Uno studio sull’Internal Journal of Sports Medicine ha rilevato che in realtà c’è un impatto minore sui piedi durante la corsa a piedi nudi a causa del modo in cui il corpo si adatta all’impatto. Un altro studio ha rilevato che il corpo utilizza circa il 4% in più di energia durante la corsa con le scarpe rispetto alla corsa a piedi nudi. Nei paesi sottosviluppati con piedi ferrati e scalzi, i confronti hanno mostrato un tasso più elevato di lesioni al piede calzato.

Opposizione

Gli oppositori non trovano questi studi convincenti e affermano che questi studi erano troppo piccoli o non eseguiti correttamente. Indicano il fatto che lo studio nei paesi sottosviluppati e sottolineano che questo ci dice molto poco sugli infortuni e sulle prestazioni nei paesi sviluppati.

Coloro che si oppongono alla corsa a piedi nudi lo fanno per molte ragioni. I podologi, in generale, sono tra i più espliciti contrari alla corsa a piedi nudi. Il motivo principale di opposizione è la protezione del piede. Le ferite da puntura sono la più grande preoccupazione per chi corre senza scarpe protettive. Molti podologi ritengono che le vesciche e le lesioni siano dovute a scarpe inadatte, non a tutte le scarpe.

Molti sostengono che, poiché i nostri antenati camminavano e correvano a piedi nudi, anche noi dovremmo. Ma le superfici su cui camminiamo oggi sono molto più rigide e meno tolleranti delle strade di erba, terra battuta e persino pietra su cui camminavano i nostri antenati. I frammenti di vetro e metallo sono comuni sulle strade e non erano una preoccupazione importante nemmeno qualche centinaio di anni fa.

Ci sono diversi tipi di piedi. Alcune persone hanno piedi ad arco molto alto e alcune persone hanno piedi ad arco molto basso. Alcuni tipi di piede possono adattarsi bene alla corsa a piedi nudi, ma ciò non significa che tutti i tipi di piede lo faranno. La meccanica del piede è estremamente complicata. Gli individui che sono iperpronati (ruotano verso l’interno) e hanno un tipo di piede flessibile e piatto, in genere hanno bisogno di una scarpa più di supporto e talvolta di un’ortesi su misura. Gli individui con un tipo di piede molto rigido e ad arco alto, esercitano un’enorme quantità di pressione sulla parte esterna dei loro piedi e potrebbero aver bisogno di una scarpa o di un inserto per aiutare anche questa pressione. Entrambi questi individui molto probabilmente finirebbero con lesioni se tentassero di correre a piedi nudi.

La regola generale è che se non hai problemi di infortuni o prestazioni con le tue attuali scarpe da corsa, non cambiare nulla. Se, d’altra parte, i tuoi piedi cadono da qualche parte tra un arco alto e uno basso e hai acquistato tutte le scarpe e gli inserti costosi sul mercato, ma continui a infortunarti, potresti provare a correre a piedi nudi. Se vorresti provare a correre a piedi nudi, assicurati di lavorarci gradualmente. Sono probabili ferite da puntura, ritagli, tagli e lividi, a meno che tu non scelga saggiamente la superficie. Inizia su erba o su una superficie morbida. Considera la sabbia in spiaggia o anche andare in pista. Inizia gradualmente e lentamente.

Una parola sulle scarpe

Una scarpa che non calza bene può essere la causa di molte lesioni agli arti inferiori. Una scarpa può mettere il piede nell’angolazione sbagliata rispetto al ginocchio e all’anca, causando potenziali lesioni. Una scarpa troppo stretta può causare vesciche alle dita dei piedi e problemi alle unghie dei piedi. Una scarpa troppo larga può portare a tendinite o causare vesciche al tallone. Una scarpa troppo flessibile può contribuire allo sviluppo della fascite plantare (tallone e dolore all’arco plantare). Una buona scarpa non deve essere necessariamente costosa. Quando cerchi una scarpa da corsa, assicurati che l’intersuola sia di supporto. Provalo afferrando l’area della punta e del tallone e prova a piegare la scarpa a metà. Se si piega al centro della scarpa, è troppo flessibile e non sosterrà il piede. Assicurati che ci sia abbastanza spazio sulla punta. Controlla il tallone e assicurati che sia sufficientemente rigido da tenere il tallone in posizione per evitare vesciche. Soprattutto, assicurati che la scarpa sia comoda. Indossali in giro per casa, sul tappeto, prima di uscire a correre.

Riepilogo

Probabilmente ci sono alcune persone che potrebbero migliorare le proprie prestazioni e ridurre il tasso di infortuni correndo a piedi nudi. Ma, prima di gettare le scarpe nel bidone della spazzatura e andare a correre a piedi nudi, considera una scarpa più adatta. La corsa a piedi nudi è sconsigliata a soggetti con arco plantare alto, arco molto basso, iperpronanti o diabetici. Se decidi di provare a correre a piedi nudi, scegli con attenzione la superficie di corsa e fai attenzione alle ferite da puntura.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *