Come migliorare drasticamente la tua velocità di corsa

Come migliorare la tua velocità.

Questo articolo fornisce una panoramica delle tecniche essenziali necessarie per consentire a un atleta di correre più velocemente.

Aumentare la velocità di qualsiasi atleta significa migliorare uno o entrambi i seguenti elementi:

1. Aumentare il numero di passi che un atleta fa al secondo, cioè la sua cadenza.

2. Migliorare l’efficacia di ogni volta che entrano in contatto con il suolo.

L’aumento della cadenza è più facile da migliorare riducendo la quantità di tempo di recupero tra le falcate. Ciò significa ridurre il tempo necessario per sollevare il piede da terra e tornare a terra.

Spesso gli atleti compensano la loro mancanza di sollevamento delle ginocchia o superando il passo (facendo passi più ampi oltre il loro centro di gravità) o spingendo di più dietro di loro nel tentativo di aumentare la loro potenza e quindi la lunghezza del passo.

I problemi con queste tecniche sono i seguenti:

Aumenta il tempo di recupero che si traduce in una frequenza del passo più bassa.

Aumenta il carico sui muscoli posteriori della coscia (aumentando il rischio di lesioni)

Diminuisce il sollevamento del ginocchio quando i fianchi si abbassano per consentire il lungo tempo di recupero. Ciò si traduce in un contatto del piede meno potente.

Ora abbiamo identificato il problema: come lo risolviamo? In definitiva, come faccio a correre più veloce?

Questo può essere identificato migliorando 7 aree

Colpo del piede alla caviglia.

Gli atleti dovrebbero mirare a colpire il terreno con un piede che si muove all’indietro.

Dorsiflessione.

Affinché l’atleta esegua un appoggio attivo del piede e abbia un rapido contatto con il suolo è essenziale che l’atleta mantenga la dorsiflessione della caviglia (mantenere le dita dei piedi il più vicino possibile allo stinco). Questo prestira i muscoli del polpaccio e li prepara per un impatto molto più rapido ed elastico.

Oscillazione del braccio.

L’oscillazione del braccio dovrebbe comportare l’oscillazione dei gomiti davanti al piano del tronco. Non farli oscillare abbastanza in avanti limita il sollevamento delle ginocchia e si traduce in una maggiore meccanica posteriore per compensare.

Sporco in avanti.

Gli atleti dovrebbero mirare a correre con una “leggera” inclinazione in avanti su tutto il corpo.

Posizione della testa.

Gli atleti devono tenere il mento abbassato e la testa ferma.

Correre alto.

Gli atleti devono essere in grado di “correre in alto”. Ciò significa tenere la testa alta come se la testa fosse attaccata a un filo immaginario e tutto il corpo venisse tirato verso l’alto.

Per assistere questi è fondamentale migliorare i muscoli della stabilità del core (addominali, fianchi, bacino e glutei) per consentirti di implementare la tecnica necessaria per correre più velocemente.

Rilassamento.

Di fondamentale importanza è che gli atleti sviluppino la corsa rilassata. Ciò significa concentrarsi sui muscoli necessari per correre e spegnere quei muscoli che non vengono utilizzati (es. muscoli del viso, muscoli del collo e contrazione dei muscoli delle spalle).

Posizione del tallone.

La gamba dovrebbe piegarsi all’indietro durante il recupero (non estendersi dietro il corpo). Pertanto, eseguire calci di testa in cui la caviglia scatta in fuori dietro il corpo è scorretto e dannoso per eseguire una corretta tecnica di corsa. Quando si eseguono calci di testa, assicurarsi che il ginocchio sia in avanti quando il piede si trova nel punto più vicino al fondoschiena.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *