Caccia con i tuoi figli, non per loro!

La sezione locale del Safari Club International distribuiva adesivi per paraurti con la scritta “Caccia con i tuoi bambini, non per loro”. È un’affermazione molto profetica. Quando ero solo un ragazzo ho conosciuto una famiglia la cui figlia è scomparsa. È stata via per un paio di settimane e ho avuto modo di assistere in prima persona all’angoscia che questa famiglia ha sopportato mentre cercavano la loro figlia. Sono solidale con chiunque sia passato attraverso questo. In questo caso c’è stato un lieto fine quando la ragazza è tornata ma so che c’erano problemi che dovevano essere risolti. Quindi, quando ho visto per la prima volta l’adesivo di SCI, ho colpito nel segno.

Avanti veloce di diversi anni e mio figlio più giovane sta per fare la sua prima avventura diventando un cacciatore. Lui e un amico di scuola si sono iscritti al corso sulla sicurezza del cacciatore e posso dirti che il mio cuore era pieno di orgoglio quando è andato i due giorni e ha ottenuto il suo certificato. Pochi giorni dopo acquistammo la sua prima licenza di caccia e iniziammo a fare progetti per il nostro primo viaggio nei boschi come squadra di cacciatori di padre e figlio.

Gli scoiattoli sarebbero stati la nostra prima caccia. Abbiamo una capanna negli Allegany e lì puoi trovare ogni tipo di scoiattolo. E siamo anche benedetti con un sacco di alberi di noci, quindi anche trovarli è abbastanza facile. Siamo arrivati ​​al campo la sera prima e abbiamo acceso il fuoco nella stufa a legna. Ottobre a New York occidentale è un periodo bellissimo per stare nei boschi, ma le notti possono diventare piuttosto fredde. Una volta che le pale hanno iniziato ad accendere il nostro ecofan, siamo entrati in affari con un sacco di aria calda fatta circolare dal ventilatore ecologico. Se non ne hai ancora visto uno, sono piuttosto unici in quanto producono la propria elettricità. Ne uso uno da diversi anni. Torna alla caccia.

Mio figlio ha fatto molta pratica con il tiro ai bersagli con la sua .22. Ho iniziato tutti i miei figli molto piccoli ad abituarli alle armi da fuoco e insegnare loro il rispetto per l’arma e per il bersaglio previsto, quindi quando abbiamo lasciato la cabina all’inizio di quella mattina di ottobre ho capito che era pronto. Abbiamo impiegato circa mezz’ora a piedi su per la collina per essere tra alcuni alberi di noci da spiaggia. Ci siamo sistemati su uno che era caduto ed era dell’altezza giusta per un posto a sedere e abbiamo iniziato la nostra attesa. La prima cosa che si è presentata è stata una giovane cerva. Non sembrava che le importasse di condividere la foresta con noi quel giorno. Ha cercato un po’ e poi ha continuato i suoi turni prestabiliti. Presto ho visto un grosso scoiattolo nero che correva in giro per raccogliere il suo banchetto mattutino. Anche mio figlio l’ha visto e ha chiesto se doveva sparare. Gli ho chiesto se era pronto e lui ha detto di sì. Un colpo dopo abbiamo avuto il nostro primo scoiattolo della giornata. Era ansioso di recuperare l’animale, ma gli ho detto di stare fermo e di ricordare solo dov’era lo scoiattolo. Circa cinque minuti dopo si è presentato un simpatico scoiattolo grigio che ha incontrato un destino simile. Abbiamo aspettato un po’ quando è diventato evidente che qualcosa stava arrivando su per la collina. All’inizio non eravamo sicuri di cosa fosse, ma presto diverse teste iniziarono a dondolare su e giù e vedemmo diversi tacchini che facevano colazione mentre camminavano su per la collina. Non era la stagione turca, quindi avrebbero ottenuto un pass gratuito, ma è stato sicuramente emozionante vederli e condividere questo momento con il mio giovane cacciatore. Abbiamo aspettato fino a quando i tacchini non sono passati e sono spariti dalla vista e abbiamo proceduto a raccogliere il nostro cibo per la mattina.

Mentre uscivamo dal bosco, non dimenticherò mai ciò che ha chiesto il mio primo cacciatore che aveva appena catturato i suoi primi due scoiattoli. Disse “Papà, che calibro di pistola ti serve per dare la caccia agli alci?” Rido ancora ogni volta che ci penso. Caccia con i tuoi figli, non per loro. Caccio, quindi sono.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *