Biomeccanica delle arti marziali

Quando si spiega la biomeccanica del movimento è importante capire come il corpo funziona come un’unità con più sistemi all’interno del corpo che lavorano insieme per eseguire il movimento. Questa è chiamata catena cinetica e ha tre sistemi primari:

  1. Sistema nervoso
  2. Sistema muscolare
  3. Sistema scheletrico

Inibendo il sistema nervoso, la catena cinetica si rompe e richiede uno sforzo maggiore per eseguire un movimento. Un modo per inibire il sistema nervoso è chiudere gli occhi. Sembra semplice ma rende il movimento estremamente impegnativo. Ti faccio un rapido esempio, alza il piede ed esegui un calcio frontale a 3 conteggi. Non chiudere gli occhi e riprovare. Quello che è successo? Hai notato che il calcio è diventato molto più difficile, vero? Puoi usare questa stessa applicazione e cambiare completamente i tuoi metodi di allenamento. Inoltre, i kata sono stati progettati con uno schema perfetto fino al punto in cui dovresti terminare la forma esattamente dove hai iniziato. Chiudi gli occhi durante l’intero kata e vedi se riesci a finire nello stesso punto. Ci sono tre piani di movimento in cui il corpo può muoversi:

  1. Piano frontale
  2. Piano sagittale
  3. Piano trasversale

Diamo un’occhiata ai tre calci tecnici di base e come si adattano a questi piani di movimento per aumentare il livello di difficoltà. Il calcio frontale viene eseguito sul piano sagittale – Il calcio più semplice e più facile da eseguire. La maggior parte dei movimenti avviene sul piano sagittale, il che rende il calcio frontale il più facile da imparare. Il secondo calcio è il calcio rotondo che viene eseguito sul piano frontale. Poiché questo calcio tecnico si verifica sul lato sinistro o destro del corpo, si verificherebbe sul piano frontale. Infine, il più difficile dei calci di base è il compagno. C’è una rotazione che deve avvenire all’interno dell’articolazione dell’anca per alloggiare il compagno, che si verifica sul piano trasversale.

Quindi come ci si allena su tutti i piani di movimento? In Jhoon Rhee Tae Kwon Do uno studente deve essere in grado di eseguire correttamente quello che chiamiamo calcio a 9 conteggi. Il calcio di conteggio nove include il calcio frontale, il calcio rotondo, il calcio laterale e il calcio a gancio. Tutti i calci di base devono essere eseguiti senza appoggiare il piede. Calcio frontale/rotondo/laterale/a gancio.

Quando si allena il corpo ci sono più variabili di allenamento che possono essere manipolate per progredire o far regredire un movimento. Una volta che uno studente raggiunge la cintura nera, è importante capire che, sì, esiste un curriculum più impegnativo dal 1° al 2° grado, ma si tratta anche di perfezionare le basi. Come si sfida il corpo? Ecco alcune diverse variabili di allenamento che possono essere utilizzate:

  1. Gamma di movimento
  2. Velocità
  3. Frequenza
  4. Durata
  5. Stabilità
  6. Piani di movimento

Questo articolo si concentrerà sull’aumento della difficoltà attraverso la comprensione del principio della stabilità. Il modo più semplice per spiegare il principio di stabilità è utilizzare ciò che chiamiamo una base di supporto. Quando ti alzi, entrambi i piedi toccano il suolo, il che ti offre un’ampia base di appoggio. Non appena uno studente solleva una gamba da terra, ha accorciato la sua base, il che rende più difficile l’equilibrio. Pertanto, diminuendo la tua stabilità puoi rendere più impegnativo un movimento di base. Quindi, come può qualcuno diminuire la stabilità stando in piedi su una gamba? È qui che entrano in gioco gli strumenti di formazione. Usiamo ad esempio un dyna-disk. Di seguito è riportata l’immagine di un dyna disk. Il dyna-disc consente il movimento su tutti i piani di movimento oltre ad essere su una superficie instabile. Prova a fare un calcio frontale sul dyna-disc. Che succede? Il calcio frontale ora diventa estremamente difficile.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *