Arti marziali filippine: Kali, Escrima e armi

Arti marziali filippine

Tra le arti marziali più popolari e influenti praticate oggi ci sono gli stili di combattimento che escono dalle Filippine, inclusi Kali ed Escrima (o Eskrima, che sono tutti nomi diversi per un gruppo molto simile di discipline marziali sovrapposte). Le arti marziali delle Filippine sono uniche nella loro enfasi sulla praticità, con poche cerimonie oltre a ciò che è efficace. Ciò è stato reso necessario dalla storia violenta delle Filippine, segnata sia da conflitti tra tribù locali che con grandi potenze internazionali, come la Spagna e gli Stati Uniti. Le arti marziali filippine incorporano sia l’addestramento con le armi, in particolare bastoni e lame, sia l’addestramento a mani vuote secondo la filosofia che le armi sono semplicemente un’estensione del proprio corpo. Un altro concetto unico nelle arti marziali filippine è che qualsiasi cosa può essere usata come arma, da un pugnale o un coltello a un giornale arrotolato o un ombrello. Ciò ha conferito alle arti marziali filippine una significativa trazione culturale e un impatto ovunque, da Hollywood alle forze speciali americane, di cui parlerò un po’ più avanti. Ma prima, le armi e le tecniche dietro le arti marziali filippine.

Armi per arti marziali filippine

Disarmato (perché ehi, anche il tuo corpo è un’arma):

In Kali o Escrima disarmati, qualsiasi parte del corpo può essere usata come arma. Il combattimento prevede una miriade di pugni, calci, gomiti, ginocchia, testate, colpi con le dita, serrature, parate, grappling, tecniche di disarmo, colpi di avambraccio, attacchi con il palmo e persino morsi. Tutto è un gioco leale, perché ehi, anche il tuo corpo è un’arma.

Armi contundenti

Bastoncini Kali / Bastoncini Escrima:

In Kali ed Escrima, i bastoncini sono armi comunemente usate. Tra questi ci sono:

Baston: un bastoncino Kali corto, generalmente realizzato in rattan flessibile

e il Bangkaw: un’asta o un’asta più lunga, spesso fatta di bambù

Armi improvvisate come penne, ombrelli, bastoni da passeggio o persino giornali e riviste arrotolati possono essere usati come bastoncini Kali ed Escrima! Fondamentalmente, c’è poca differenza tra usare un giornale per combattere o un baston, e quindi tecniche simili si applicano a entrambi.

Armi Kali a lama

A Kali ed Escrima, le armi a lama sono di fondamentale importanza, poiché una parte sostanziale della cultura marziale delle Filippine è una cultura della lama. I coltelli, di tutte le forme e dimensioni, sono fattori comuni e normali della vita, usati per qualsiasi cosa, dall’abbattimento della vegetazione invasa, dal taglio di frutta o carne aperta o dal taglio di un avversario. Questo fa emergere una delle differenze chiave tra le arti marziali filippine e altri sistemi di combattimento basati sulle armi, come il kendo giapponese, il kobuto di Okinawa o la scherma europea: mentre nessuno va più in giro con katane e sciabole, le persone portano ancora coltelli tascabili e machete e altri tipi di coltelli, dai quali si impara a difendersi ea maneggiare attraverso lo studio delle arti marziali filippine. Questo rende Kali o Escrima arti marziali particolarmente pratiche e utili da conoscere.

Pugnale: un’arma a lama comune nelle arti marziali filippine. Le varietà tradizionali includono il gunong, il punyal e il barong

Coltello a farfalla pieghevole: chiamato Balisong

Spade: Espada in spagnolo e le varietà tradizionali includono il kampilan e il pinuti

Machete: Tradizionalmente chiamato Golok

Lancia: Chiamato il sibat

Storia e influenza di Kali e Escrima/Eskrima

Le arti marziali di Kali iniziarono in modo informale molto prima dell’arrivo degli spagnoli nelle Filippine, poiché le tribù avevano bisogno di un mezzo per difendersi dalle altre tribù, sulla loro isola o su un’altra. Si dice che ci siano tanti stili di Kali quante sono le isole nelle Filippine. Kali potrebbe essere stato influenzato originariamente da stili simili di combattimento con il bastone e con la spada dall’India, come il Silambam, che prevede anche il combattimento con il bastone.

Una volta che gli spagnoli invasero e colonizzarono le Filippine, Kali fu resa illegale e soppressa. In cambio, i filippini iniziarono a incorporarlo nei loro rituali di danza, che consentivano loro di trasmettere le conoscenze culturali e le tecniche di combattimento senza incontrare l’ira e nemmeno l’attenzione dei coloni.

Le arti marziali di Kali si svilupparono durante il periodo coloniale attraverso sanguinosi tentativi ed errori quando le successive ribellioni dei filippini scossero il dominio spagnolo. Quando ogni ribellione veniva repressa, il popolo filippino rivalutava la propria arte marziale, eliminando ciò che non funzionava e migliorando ciò che funzionava.

Oggi viene insegnato un certo numero di sistemi di Kali/Eskrima, con la maggior parte dell’insegnamento dell’addestramento con le armi, colpi, prese, lanci e abbattimenti. Kali è orientato all’insegnamento del movimento fulmineo, del gioco di gambe efficiente e dell’autodifesa pratica.

Nella cultura popolare e militare, anche le arti marziali Kali sono state influenti. È utilizzato dalle forze speciali statunitensi, dallo Spetznaz russo e anche dalle forze speciali indiane. Anche i film di Hollywood hanno interpretato Kali, dai brevi flash in Enter the Dragon di Bruce Lee alle apparizioni più complete nella serie The Bourne con Matt Damon, Mission Impossible 4 con Tom Cruise e la trilogia prequel di Star Wars.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *