Addestramento di arti marziali e autodifesa – Considera lo scenario peggiore nell’addestramento di arti marziali

Le arti marziali o l’addestramento all’autodifesa devono includere la gestione dello scenario peggiore. Molti imparano solo le tecniche di un certo stile. Possono eseguire le mosse con relativa facilità o competere ai massimi livelli in competizione. Cosa succede però se vengono aggrediti nel parcheggio dopo la gara mentre salgono in macchina?

Ci sono numerose situazioni in cui ci si può trovare che richiedono tutte le loro arti marziali o abilità di autodifesa. I termini furto d’auto e rabbia su strada non erano nemmeno conosciuti solo pochi anni fa. Gli stupri di appuntamenti accadono troppo spesso. Le rapine in casa possono coinvolgere intere famiglie. Immagina di svegliarti di notte con un aggressore nella tua camera da letto.

La preparazione è la chiave. Se l’allenamento viene svolto correttamente, verranno create le discipline fisiche e, soprattutto, mentali. Se l’allenamento è solo per incontrare gli amici, divertirsi e rotolarsi sui materassi, allora mancheranno le arti marziali o le abilità di autodifesa. Una delle prime cose che i praticanti di arti marziali e di autodifesa devono imparare è come respirare correttamente sotto stress. Se la respirazione non è controllata, il panico può instaurarsi e alterare la chiarezza mentale.

La difesa contro l’essere tirati fuori da un’auto o attaccata sotto le coperte del tuo letto deve essere affrontata. Per quanto spaventoso possa sembrare, queste cose accadono quotidianamente nella vita reale. Se uno si esercita per affrontare questo tipo di situazioni, acquisirà la sicurezza per gestirle se si verificano. Solo attraverso arti marziali disciplinate e allenamento di autodifesa si può imparare quali sono le proprie capacità fisiche e mentali.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *