Abraham Kwadu Munabi: il più grande saltatore triplo dell’Uganda

Durante la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70 un eccellente studente presso la prestigiosa rigorosa Facoltà di Medicina della rinomata Makerere University di Kampala si è affermato come uno dei migliori saltatori tripli africani e del Commonwealth delle Nazioni. Abraham Kwadu Munabi, nato il 19 dicembre 1940, era come il velocista campione dell’Uganda degli anni ’60 Amos Omolo, apparentemente un partecipante in tarda età a importanti competizioni sportive. Munabi era il più grande nome e speranza di medaglia nell’atletica leggera dell’Uganda durante il tempo. Il record nazionale stabilito da Munabi nel salto triplo è ancora valido quattro decenni dopo.

Ma no, non è per i suoi successi atletici che il mondo è arrivato per lo più a riconoscere Munabi. Il Dr. Munabi si è trasferito negli Stati Uniti alla fine degli anni ’70 per studi avanzati, dove si è occupato di sperimentazione specializzata e ricerca sulla riproduzione. Nell’arco di più di trent’anni, il nome di Munabi è apparso su un flusso di articoli di ricerca. Munabi è rinomata come esperta di fertilità, endocrinologo riproduttivo. Ginecologo certificato dal consiglio, Munabi ha fondato ed è direttore del Reproductive Science Institute of Suburban Philadelphia in Pennsylvania.

Munabi ha raggiunto il record personale di 16,11 me il record nazionale di salto triplo nel settembre 1969. Qui Munabi ha vinto l’oro nel salto triplo ai Giochi regionali dell’Africa orientale e centrale. I Giochi annuali si sono svolti nella capitale Kampala, nell’Uganda natale di Munabi. La vittoria nel salto di Munabi di 16,11 m ha superato di gran lunga la concorrenza. Nello stesso torneo, Munabi ha vinto l’oro nel salto in lungo con 7,24 m. Munabi avrebbe vinto di nuovo l’oro nel salto triplo a questi Giochi regionali del 1972, tenuti nella capitale della Tanzania Dar-es-Salaam. La lunghezza vincente è stata di 15,40 m.

Il prossimo raduno sportivo internazionale più significativo per Munabi sarebbe stato il Commonwealth of Nation’s Games del 1970 che si tenne a Edimburgo in Scozia. Il 24 luglio, ventotto concorrenti internazionali salteranno, salteranno e salteranno in modo intercambiabile nel turno di qualificazione per le finali che si sarebbero svolte il giorno successivo. Munabi, con un salto di 15,51 metri, si è piazzato nono sui tredici finalisti. I primi cinque finalisti sono stati l’australiano Mile McGrath (16,09 m), il nigeriano Samuel Igun (16,08 m), l’indiano Mohinder Singh Gill (15,90 m), l’australiano Phil May (15,87 m) e l’inglese Tony Wadhams (15,80 m). Nonostante il suo nono posto in classifica, Abe sentiva che avrebbe abilmente conquistato una medaglia per l’Uganda. Le finali hanno visto Phil Gray (Australia), con una lunghezza di 16,72 m, conquistare l’oro; Mike McGrath (16,41 m) anche lui australiano, ha vinto l’argento; e Mohinder Singh (India) è arrivato terzo dopo un salto di 15,90 m. Abraham Munabi dell’Uganda si è piazzato, non troppo deludente, quarto (15,73 m).

Questi Giochi del Commonwealth delle Nazioni del 1970 hanno visto l’Uganda emergere, con un’impressionante collezione di medaglie, diventando i campioni di boxe del Commonwealth. Le medaglie d’oro nella boxe sono state vinte da Mohamed Muruli (pesi welter leggeri), James Odwori (pesi mosca leggeri) e Benson Masanda (pesi massimi); e le medaglie d’argento sono state vinte dai pesi mosca Leo Rwabwogo e dai pesi leggeri Deogratias Musoke. Nell’atletica leggera, William Koskei dell’Uganda (medaglia d’argento nei 400 m ostacoli) e Judith Ayaa (medaglia di bronzo nei 400 m) sono stati i vincitori del premio. John Akii-Bua (400 m ostacoli), 20 anni, è stato come Munabi, battuto al quarto posto.

Alle Olimpiadi del 1972 che si tennero a Monaco, il 31enne Munabi (su 6 atleti maschi e 2 femmine in gara) era il partecipante più anziano dell’Uganda. A 5’11 (180 cm), Munabi era un relativamente leggero 154 libbre (70 kg). C’erano 36 internazionali per la competizione di salto triplo che si è svolta dal 3 al 4 settembre. Munabi ha finito con una lunghezza migliore piuttosto mediocre di 15,82 m e si è piazzato al 22 ° posto nella classifica generale. Il fallo di Munabi nel terzo round ha fermato i suoi progressi. Per comodità, Munabi aveva battuto un terzo del campo. I vincitori della medaglia olimpica sono stati rispettivamente Viktor Saneyev dell’Unione Sovietica, Jorg Drehmel della Germania dell’Est e Nelson Prudencio del Brasile.

Munabi era determinato a vincere l’oro ai prossimi All-Africa Games che si sarebbero tenuti nell’agosto del 1973. Munabi fu battuto al secondo posto dal senegalese Mansour Mamadou Dia. Ma è importante che Munabi avesse triplo salto a 16,26 metri, un record nazionale che resiste fino ad oggi. La medaglia d’oro Mansour Dia era balzata a 16,53 metri, mentre la medaglia di bronzo Moise Pomaney del Ghana aveva raggiunto i 16,09 metri. Dia ha anche vinto una medaglia di bronzo nel salto in lungo a questi Giochi All-Africa. Inoltre, Mansour Dia non solo aveva rappresentato il Senegal alle tre Olimpiadi precedenti, ma aveva anche ottenuto il record personale e nazionale alle precedenti Olimpiadi del 1972 (16,77 m), un record nazionale che sarebbe durato più di 3,5 decenni. Alle Olimpiadi, Dia, che è solo una settimana più giovane di Munabi, era 13° nel 1964, 8° nel 1968 e 6° nel 1972.

La prestazione complessiva dell’Uganda agli All-Africa Games è stata eccellente, con pugili e atleti che hanno vinto un numero impressionante di medaglie che l’Uganda non si è mai avvicinata a vincere agli Africa Games dalla performance del 1973 (8 ori, 6 argenti, 6 bronzi). L’Uganda era sesto assoluto. L’anno successivo, Munabi avrebbe gareggiato per l’Uganda ai Giochi del Commonwealth che si sono tenuti a Christchurch in Nuova Zelanda. Uno dei suoi impedimenti erano le prove finali a cui doveva partecipare nel suo programma di medicina all’Università di Makerere.

Munabi finì 6° nel salto triplo all’incontro preolimpico di Montreal del 1976. Joshua Owusu (anche campione dei Giochi del Commonwealth delle Nazioni) del Ghana qui ha vinto l’oro. Nella rivista “Africa” ​​(1976: 142) Munabi, che ora ha 34 anni, è descritto come nutrito di scarse speranze di vincere una medaglia olimpica per l’Africa, ma come fonte di grande ispirazione per il futuro dell’atletica leggera in Uganda. In effetti, a quel tempo, era Munabi il miglior successo nell’atletica leggera dell’Uganda. Nello stesso incontro pre-olimpico, il pugile ugandese, Mustapha Wasajja, poi diventato professionista e diventato un combattente mondiale di alto livello, ha vinto l’oro solitario dell’Uganda. Sfortunatamente, l’Uganda, come molti altri paesi, boicottò e si ritirò dai Giochi Olimpici che si sarebbero presto svolti a Montreal.

Nella famiglia Munabi prevale la tradizione dell’eccellenza sportiva e accademica. Son Tunji Adrian Munabi era uno studente e un atleta a tutto tondo presso la prestigiosa Stanford University di Palo Alto in California. Tunji è stato un capocannoniere degli Stanford Cardinals, anche lui campione di salto triplo e salto in lungo. Ma il figlio non ha infranto i record di famiglia di triplo salto e salto in lungo stabiliti dal padre. Naikhoba un’altra eccellente studentessa e atleta, la sorella di Tunji, si è recentemente unita a Stanford e gareggia nel salto triplo.

Per quanto riguarda l’Uganda, recenti riconoscimenti e speranze nella gara di salto triplo arrivano da Sarah Nambawa (atleta di atletica leggera) che negli ultimi due anni è diventata campionessa africana di salto triplo (Nairobi, agosto 2010), ha stabilito un record in Uganda (13,95 m), e si è classificato quinto ai Giochi del Commonwealth del 2010 che si sono svolti a Nuova Delhi. All’inizio della IAAF/VTB Bank Continental Cup 2010 tenutasi a Spalato in Croazia all’inizio di settembre 2010, contro l’imponente competizione internazionale, l’Uganda Nambawa è arrivata 6a con il suo salto di 13,78 m. Inoltre, in precedenza, gareggiando per la Middle Tennessee State University a Murfreesboro, nel giugno 2010, il salto di 13,66 m di Nambawa ai Campionati NCAA Outdoor che si sono svolti a Eugene in Oregon l’ha collocata al 2 ° posto assoluto.

C’è ampio spazio per Nambawa per sostituire abilmente “Abe” come il più grande saltatore triplo dell’Uganda. Nambawa è sicuramente l’atleta più appropriato per riaccendere i nostri ricordi dei successi sportivi di Abraham Munabi.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *